Cercami

andre-aciman-cercami-9788823522909-4-300x465

Titolo: Cercami

Autore: André Aciman

Editore: Guanda

Anno: 2019

Pagine: 278

Genere: Narrativa contemporanea

Il voto della Kate: 8/9

SINOSSI: 

Sono passati parecchi anni da quell’estate in Riviera: Elio, in piena confusione adolescenziale, aveva scoperto la forza travolgente del primo amore grazie a Oliver, lo studente americano ospite del padre nella casa di famiglia. Erano stati giorni unici, in grado di segnare le loro vite con la forza di un desiderio incancellabile, nonostante ciascuno abbia poi proseguito per una strada diversa. Questo romanzo di André Aciman si apre con l’incontro casuale su un treno tra un professore di mezza età e una giovane donna: lui è Samuel, il padre di Elio, sta andando a Roma per tenere una conferenza ed è ansioso di cogliere l’occasione per rivedere suo figlio, pianista affermato ma molto inquieto nelle questioni sentimentali; lei è una fotografa, carattere ribelle e refrattaria alle relazioni stabili, e in quell’uomo più maturo scopre la persona che avrebbe voluto conoscere da sempre. Tra i due nasce un’attrazione fortissima, che li porterà a mettere in discussione tutte le loro certezze. Anche per Elio il destino ha in serbo un incontro inaspettato a Parigi, che potrebbe assumere i contorni di un legame importante. Ma nulla può far sbiadire in lui il ricordo di Oliver, che vive a New York una vita apparentemente serena, è sposato e ha due figli adolescenti, eppure… Una parola, solo una parola, potrebbe bastare a riaprire una porta che in fondo non si è mai chiusa.

LA RECE DELLA KATE: 

Scrivo e cancello.

Scrivo e cancello.

Questa cosa va avanti da almeno venti minuti.

Vorrei terminare questa agonia, ma non è che ci stia riuscendo molto. Non so se è la stanchezza o se, come sempre, quando devo parlarvi di un romanzo che ho molto amato, mi viene una specie di blocco creativo e psicologico.

Respirone.

Ci provo.

E comincio dalla parte più brutta e sgradevole: i difetti.

Ne ha almeno tre. Ho detto almeno.

  1. Cercami è una forzatura. Noi saremmo stati bene anche senza. Oliver ed Elio ci hanno cambiato la vita, tornare da loro è come tornare da un ex dopo che vi siete lasciati. O andare in una città dopo che non tornavi da un sacco di tempo e scoprire che… non è che ti piaccia poi così tanto. Forse l’avevi sopravvalutata. Forse la vedevi bella perché eri un bambino. Forse la vedevi bella perché mamma e papà ti amavano molto. Insomma… capito, no?
  2. Le storie raccontate sono credibili quanto Babbo Natale che fa la dieta Dukan e perde 82 chili. Bello eh, per carità. Nulla da dire. Un figurino. Ma poco credibile.
  3. Le storie, sì. Perché sono tre. E l’ultima non è all’altezza.

Cercami è Chiamami col tuo nome vent’anni dopo.

E’ la storia di Elio, di suo padre, di Oliver.

Sono invecchiati, le loro vite sono drasticamente cambiate. Evolute, involute, trascinate sui gomiti. Sono stanchi e vissuti. Sono saggi eppure immaturi. Hanno visto l’amore ma ancora vi si fanno abbindolare. Romantici e intrappolati in relazioni e vite passate e vite future e sogni e desideri e non verità e relazioni familiari e silenzi e cose non dette. Vent’anni di una serenità calma e placida senza scossoni, vent’anni passati a fare il gioco di “Facciamo finta che io ero”, avete presente? Ecco. Un incubo.

Poi succede.

Incontri qualcuno sul treno.

In strada.

La tua vita e la sua cambieranno per sempre.

Tu cambierai per sempre.

E non è colpa di nessuno.

C’è gente che non ci cambia di una virgola e c’è gente che ci cambia la vita anche solo quando ci dice “Ciao” la prima volta. E tu sai che quella persona lì è una persona cardine. Tu sai che sta per accadere.

E così è per i nostri protagonisti.

Tutti uomini, perché di uomini si parla. Sì, certo, c’è anche una donna, la donna sul treno. Non vi dirò come si chiama e chi è e chi sarà, non ha importanza adesso. Quello che ha importanza è che per quanto sia descritta e descritta e ancora descritta, non riesce a togliere luce al protagonista maschile.

Tutto è uomo.

L’amore stesso, che di solito viene associato al sinuoso corpo femminile, qui si fa totalmente uomo. L’uomo padre, l’uomo figlio, l’uomo anziano, l’uomo in cerca, l’uomo che sa amare tanto una donna quanto un uomo, l’uomo che apre il petto e scopre il cuore, che si rende vulnerabile, totalmente umano, fallibile.

Si parla di amore e, pure con i difetti detti sopra, Cercami è un romanzo che ho amato completamente e senza remore. Ne ho visti i difetti e le piccinerie ma ho comunque saputo vedere il bello che c’era. Anche se i dialoghi erano poco credibili, talvolta, come costruiti, troppo melensi, troppo a effetto. Li ho amati anche così, anche se la realtà forse sarebbe andata in un altro modo, anche se nella realtà forse una trentenne non avrebbe invitato a casa sua un uomo del doppio della sua età dopo averlo conosciuto sul treno. Anche se Oliver forse sarebbe scomparso senza lasciare traccia. Anche se Elio ce lo saremmo immaginati diverso. Più… non saprei. Ma Elio è il personaggio che più di tutti ha compiuto una evoluzione. Che più di tutti stupisce. E che forse meno di tutti si riconosce.

In definitiva?

E’ un romanzo che parla dell’amore e lo fa in maniera pregevole.

Ma se avete la pretesa di ritrovare la magia di Chiamami col tuo nome, allora no.

Allora no.

Iniziò tutto a Natale

Titolo: Iniziò tutto a Natale

Autore: Jenny Hale

Editore: Newton Compton

Anno: 2019

Pagine: 317

Genere: Romance

IL VOTO DELLA KATE: 5

SINOSSI:
Holly McAdams adora trascorrere le vacanze di Natale nel piccolo chalet della sua famiglia tra le colline innevate, con la sua deliziosa porticina rossa e le luci colorate. E quest’anno è pronta per lei una sorpresa molto speciale… Dopo aver affrontato una tempesta di neve per raggiungere il rifugio, Holly e sua nonna trovano ad aspettarle un affascinante sconosciuto. Joseph Barnes aveva affittato la casa la settimana precedente, ma è rimasto intrappolato lassù a causa del maltempo. Determinata a fare del suo meglio per rendere le vacanze speciali per tutti, Holly comincia a decorare le stanze e a preparare deliziosi dolcetti. E così comincia ad affezionarsi al bellissimo sconosciuto, con il quale sente di avere sempre più cose in comune nonostante la diffidenza della sua adorata nonnina. Ma l’arrivo di Rhett Burton in paese, la stella della musica country che un tempo era il miglior amico di Holly o forse qualcosa di più, rischia di rendere la situazione molto complicata… Per fortuna è quasi Natale!

LA RECE DELLA KATE:

1. Non leggetelo

2. Vuole essere romantico invece è solo noioso

3. Il romanticismo c’è ma messo giù così male che fa venire voglia di non leggere mai più

4. Nemmeno l’atmosfera natalizia è resa bene

5. Ho pianto. No, non di disperazione. Leggendo l’amore tra la nonna e il nonno. Oh. Io mi commuovo. Cosa volete?

6. L’ho già detto non leggetelo?

7. Non leggetelo

Quella mattina prima di morire

Titolo: Quella mattina prima di morire

Autore: Jo Jakeman

Editore: Newton Compton

Anno: 2019

Pagine: 382

Genere: Thriller

IL VOTO DELLA KATE: 6

SINOSSI:

Un divorzio non è mai una cosa semplice, e quello di Imogen non fa eccezione. Suo marito Phillip è un maniaco del controllo, un violento, ed è determinato a renderle la vita un inferno. Quando Phillip piomba in casa sua senza preavviso, intimandole di andarsene entro un mese, Imogen sente il mondo crollarle sotto i piedi. Se non acconsentirà alla richiesta, rimanendo senza un tetto sopra la testa, Phillip farà di tutto per toglierle l’affido di Alistair, il figlio di sei anni. In un momento di follia, Imogen reagisce d’impulso. Per la prima volta nella sua vita prende il controllo della situazione e compie un’azione che cambierà per sempre il suo destino. Quello che non avrebbe mai immaginato, però, è che sia la prima moglie che l’attuale fidanzata di Phillip sarebbero rimaste coinvolte nel suo piano. Tre donne molto diverse si ritroveranno improvvisamente alleate nel tentativo di vendicarsi dell’uomo che le ha fatte soffrire.

LA RECE DELLA KATE:

Qui il pazzo è il marito.

Poi c’è una prima moglie.

Una seconda.

Una fidanzata.

Un pazzo con la mania di collezionismo.

Colleziona donne da menare, sì.

E quando le tre donne si conoscono e i loro lividi coincidono e le loro storie fanno amicizia per il povero uomo non ci sarà molto scampo.

Beh amici, io non è che abbia molto da dire.

L’argomento è pruriginoso.

La storia non verosimile.

Ma l’argomento assolutamente sì.

All’inizio della quarantena mi sono chiesta in quante famiglie si potesse davvero stare sicuri in casa.

Chiudete gli occhi.

Pensate a tutte le donne vittime di violenza domestica costrette a stare chiuse in casa col loro aguzzino.

Fatto?

Non so a voi, ma a me fa quasi più paura del covid.

Una paura del diavolo.

Le case diventano minuscole.

Le forze si fanno meno.

La mente già provata si chiude in un luogo scuro e impenetrabile.

Nessuno che possa vedere i tuoi lividi.

Nessuno che possa chiederti se va tutto bene.

Una tragedia nella tragedia che questo romanzo mi ha riportato alla mente.

Questo è lo spunto al quale ho pensato.

Questa è l’unica cosa che mi è venuta in mente.

Di per sé il libro è lento.

Telefonato.

Intrattiene ma senza grossi colpi di teatro.

La fine la conosciamo perché l’inizio della storia è proprio la sua fine.

Un funerale.

Un trucco letterario che mi ha sempre lasciata freddina.

Pro: un paio di buoni personaggi (forse solo uno: la madre della protagonista)

Contro: lunghissimo, personaggi femminili piatti come la mia attività neuronale e un finale banale come la pubblicità di Poltrone e sofà.

In definitiva: io se fossi in voi lascerei perdere. Passate ad altro.

Innamorata di un angelo

Titolo: Innamorata di un angelo

Autore: Federica Bosco

Editore: Newton Compton

Anno: 2011

Pagine: 379

Genere: Drama YA

IL VOTO DELLA KATE: 7

SINOSSI:
«Una mattina ti svegli e sei un’adolescente. Così, senza un avvertimento, dall’oggi al domani, ti svegli nel corpo di una sconosciuta che si vede in sovrappeso, odia tutti, si veste solo di nero e ha pensieri suicidi l’84% del tempo. E io non facevo eccezione». Questa è Mia, sedici anni, ribelle, ironica, determinata, sempre pronta ad affrontare con tenacia le incertezze della sua età: scuola, compagni, genitori separati, e un rapporto burrascoso con la madre single che la adora, ma è una vera frana in fatto di uomini. Mia insegue da sempre un grande e irrinunciabile sogno: entrare alla Royal Ballet School di Londra, la scuola di danza più prestigiosa al mondo, dove le selezioni sono durissime e il costo della retta è troppo alto per una madre sola. A complicare la sua vita c’è l’amore intenso e segreto per Patrick, il fratello della sua migliore amica, un ragazzo così incantevole e unico da sembrare un angelo, che però la considera una sorella minore. La passione per la danza e quella per Patrick sono talmente forti e indissolubili che Mia non sarebbe mai in grado di rinunciare a una delle due. Fino a quando il destino, inevitabile e sfrontato, la metterà davanti a una delle più dolorose e difficili scelte della sua vita.

LA RECE DELLA KATE:

Premessa:

Non avevo capito una beneamata mazza e pensavo si trattasse di un fantasy YA.

Che ne so, sta cover gotica… Sto angelo.

Che ne so io, raga.

Comunque no.

Non è nulla di fantasy.

È un romanzo estremamente leggero (ai limiti dell’evanescenza) che racconta le gatte da pelare di una sedicenne italiana che vive vicino Londra (perché farla vivere a Codigoro faceva brutto) con una madre italiana e un filo isterica imbarcata in una relazione con un uomo brutto e bolso e un padre inglese che non la caga e che vive ormai da anni con un’altra donna in un’altra casa con altri bambini.

Poi c’è la migliore amica, e il fratello della migliore amica.

La danza.

I litigi le urla i pianti dammi i soldi per andare alla royal ballet school! Non li ho porca miseria!

300 pagine di nulla assoluto e una chiusa del tutto inaspettata e decisamente esagerata, se posso dire la mia.

Io non sono nessuno per dirlo, sia chiaro.

400mila copie vendute.

Mica banane.

Però ecco. Mi pare un finale un cicinino drammatico per uno YA che fino a due pagine prima faceva venire il latte alle ginocchia dalla banalità.

Ma.

Io non ho sedici anni.

Quindi.

A parte i troppi riferimenti al sesso (non vorrei essere fuori moda ma a 16 anni possiamo evitare di farle trombare come ricci? Non è che sia proprio l’età più adatta e desiderabile. Penso si possa parlare anche di altro. Penso.) il romanzo è assolutamente in target e la storia d’amore fa davvero sognare.

Sognare, appunto.

Perché nella realtà uomini così non esistono. Men che meno 19enni.

Ragazze…

Non

Esistono.

STOP.

Poi te lo dico che diventiamo criticone e depresse e scontente e frustrate.

Cresciamo leggendo libri del genere e ci facciamo strani film!!!

Pensiamo che là fuori gli uomini siano così!!!

È gravissimo!!!

Sarà meglio svegliarsi.

Ma se avete voglia d’ammmmmmmmore… Leggete pure.

Vi terrà buonissima compagnia 🙂

Parola di Kate!

Era una famiglia tranquilla

Titolo: Era una famiglia tranquilla

Autore: Jenny Blackhurst

Editore: Newton Compton

Anno: 2017

Pagine: 335

Genere: Thriller

Il voto della Kate: 8

SINOSSI:
Il mio nome è Emma Cartwright. Tre anni fa ero Susan Webster, e ho ucciso mio figlio di dodici settimane, Dylan. Non ho alcun ricordo di ciò che è accaduto, ma devo credere a quello che mi dicono il mio medico e la polizia, no? Ma se uno non riesce a ricordarsi quello che è successo, come può fidarsi ciecamente del fatto che gli altri gli stiano dicendo la verità? E se esiste anche una minima possibilità che mio figlio sia ancora vivo, non credete che dovrei fare di tutto per riaverlo indietro?

LA RECE DELLA KATE:

Ci ho messo una vita a finirlo.

Reclusa in casa le cose sono difficili.

Vago senza meta.

Non mi concentro su nulla.

Prego e poco altro.

Niente cattura la mia attenzione.

Niente.

Il libro comunque vale il mio 8, anche se ancora una volta ci troviamo di fronte a una genitrice omicida.

O no?

Ha cambiato nome e paese ma il passato torna a farle visita e la illude che suo figlio possa essere ancora vivo. Accanto a lei la sua migliore amica (omicida pure lei) e un giornalista affascinante (ma toh, mai un cesso eh!).

Solo che il giornalista forse non è un giornalista, il suo avvocato forse le ha tenuto nascosto qualcosa, il suo ex marito ha un passato universitario da brividi e tutti sembrano avere una vita che lei ignorava.

Era una famiglia tranquilla decolla senza problemi, ci fa fare un buon volo ma in fase di atterraggio si lascia andare a una specie di psicopatia aerea.

Ma ripeto, tutto sommato lo consiglio.

Niente di nuovo sotto il sole, ma molto migliore di altri letti.

Pro: nessun refuso e una buona traduzione.

Un protagonista maschile interessante.

I flash back che intervallano i capitoli dedicati al “now” partono da lontano ma contribuiscono a creare atmosfera.

Contro: la chiusa, come sempre. Uffa.

La figlia adottiva

Titolo: La figlia adottiva

Autore: Jenny Blackhurst

Editore: Newton Compton

Anno: 2019

Pagine: 380

Genere: Thriller

Il voto della Kate: 8

SINOSSI:
Imogen Reid ha deciso di diventare una psicologa dell’infanzia per aiutare i bambini in difficoltà. Ecco perché, quando le viene assegnata in cura Ellie Atkinson, una ragazzina di undici anni, si rifiuta di ascoltare chi le dice che è pericolosa. Ellie è l’unica sopravvissuta a un terribile incendio che ha sterminato la sua famiglia. E Imogen sa bene che in questi casi i problemi del paziente sono la rabbia e la tristezza inespresse di chi non è ancora riuscito a elaborare il lutto. Ma i genitori adottivi di Ellie hanno un’altra storia da raccontare. Così come i suoi insegnanti. Quando si arrabbia, cominciano ad accadere cose brutte. Cose in grado di generare strane leggende su quella ragazzina silenziosa. E stare così vicina a Ellie per Imogen potrebbe diventare presto molto pericoloso…

LA RECE DELLA KATE:

Come dicevo nella recensione precedente, va di gran moda prendere di mira le famiglie. Se non è la moglie che perde la testa, è il marito. Se non è il marito, è la moglie. Se i coniugi stanno una meraviglia, stai pur sicuro che un moccioso è squilibrato di brutto.

Già il titolo suggerisce che non andrà a finire benissimo. Lo avessero chiamato “La figlia col machete” avrebbe sortito lo stesso effetto.

La cover perplime come tutte le cover di questa CE. L’altalena ha un potere attrattivo sui grafici che fa paura. Ma che problemi hanno?

Comunque.

Pro: personaggio femminile adulto (Imogen) molto ben costruito, quasi cinematografico.

Contro e pro: Ellie, la bambina in questione, tratteggiata con buona dose di paraculaggine. Ma funziona.

Contro: tutti gli altri personaggi sono inutili come un biglietto del cinema ai tempi del Covid.

Pro: di plot simili se ne sono visti a svalangate. Una strizzata d’occhio la dà anche a Carrie di Stephen King, tanto per dirne una.

MA.

Non urta i nervi.

Funziona. Funziona davvero.

Contro: Ma questa chiusa da colpo di teatro??? No. Mi rifiuto.

Pro: il romanzo tiene sempre la tensione alta. Non altissima ma alta. Non è scontato.

Contro: 380 pagine? Ma siete seri?

Pro: però 380 pagine godute. Skippato pochissimo.

In sintesi!

Ok, leggetelo.

L’imprevedibile caso del bambino alla finestra

9788851163754

Titolo: L’imprevedibile caso del bambino alla finestra

Autore: Lisa Thompson

Editore: DeAgostini

Anno: 2018

Pagine: 304

Genere: Avventura per ragazzi

 

Voto della Kate: 8

SINOSSI:

Matthew Corbin non è come gli altri dodicenni. Se fosse per lui resterebbe sempre chiuso in camera sua, al sicuro da germi, batteri e da tutti i pericoli del mondo esterno. Passa il tempo affacciato alla finestra a osservare gli strani vicini di casa e annotare ogni cosa sul suo diario. Fino al giorno in cui Teddy, il nipotino del signor Charles, che ha solo quindici mesi, scompare improvvisamente. La polizia non sa come muoversi: nessun testimone, nessuna traccia, nessun movente, nessuna richiesta di riscatto. Matthew è l’ultimo ad averlo visto mentre giocava nel giardino del nonno. L’unico a sapere esattamente ciò che è successo quel giorno. L’unico ad aver osservato ogni cosa e segnato ogni dettaglio sul suo diario. Lui è l’unico che potrebbe salvare il piccolo Teddy, se solo trovasse il coraggio di affrontare il disturbo ossessivo compulsivo che lo tormenta da sempre e uscire di casa. 

LA RECE DELLA KATE:

Matthew ha dodici anni ed è diverso dalla maggior parte delle persone. Non solo dei ragazzi della sua età: proprio delle persone. Non è solo strano. Non è il classico stramboide.

Matthew è affetto da varie patologie, tra cui un disturbo ossessivo-compulsivo che lo porta a una vera fobia degli spazi aperti, del contatto con gli altri e dello sporco.  Matthew ha dodici anni e non è mai stato malato, prima. A un certo punto qualcosa si è semplicemente mosso dentro di lui. Qualcosa, insomma, ha fatto click. All’inizio si lavava le mani un po’ troppo spesso. Poi le cose sono andate sempre peggio e Matthew non esce più dalla sua stanza. Nessuno può vederlo e lui non può vedere nessuno. Le sue mani sono scorticate da tanti lavaggi e i guanti in lattice non bastano più per fermare la sua frenesia e mania di controllo. L’unico amico e interlocutore è un leone sulla carta da parati. Il leone lo capisce. Lui sì.

Guardare fuori dalla finestra e prendere appunti su tutto e tutti è un’altra delle sue fissazioni. Non può proprio farne a meno. E quando stai sempre solo e non hai amici e non hai una vita e nessuno può vederti e tu non puoi vedere nessuno… beh, fai caso proprio a tutto, specialmente se anche l’osservazione della vita degli altri diventa un po’ una ossessione poco controllabile.

Quando il nipote di 15 mesi del vicino di casa scompare all’improvviso quasi sotto ai suoi occhi per Matthew si apre una sconcertante opportunità: aiutare.

E mentre sua madre e suo padre cercano di aiutare lui e sconfiggere la malattia che lo segrega in casa, lui cercherà di aiutare quel bambino a tornare da sua madre.

Ma è tutto molto difficile.

Lui non esce.

Non può proprio.

Là fuori è tutto troppo sporco.

Tutto troppo grande.

Si infetterebbe e morirebbe.

Là fuori è tutto alieno.

Là fuori c’è il nemico.

Ma dentro di lui c’è una lucina accesa. Si chiama VITA, suppongo.

Ha solo 12 anni e a 12 anni tutto è possibile.

Consigliato per: parlare di diversità e di riscatto, di malattie psicologiche e non visibili a occhio nudo. Per capire che anche i bambini posso ammalarsi “alla testa” come gli adulti.