Creature oniriche

 

 

received_1767167853308626

Titolo: Creature oniriche

Autore: Olga Gnecchi

Editore: Self

Anno: 2017

Pagine: 178

Genere: Horror

Prezzo: 6,90 euro per il formato cartaceo – 1,99 euro per il formato digitale

Il voto della Kate: 7

SINOSSI:

Creature d’ombra cercano la luce, nel luogo in cui finisce la realtà e cominciano i sogni. Un uomo perde la sua ombra, un altro decide di morire, una donna si risveglia in una stanza buia, uno scrittore cerca se stesso, sogni ricorrenti si materializzano: questi sono solo alcuni dei personaggi e degli elementi contenuti in “Creature Oniriche”. Storie diverse che fanno parte di un’unica narrazione che si snoda tra circostanze che possono rivelarsi o diventare iperrealistiche, surreali o grottesche. Un percorso oscuro per scoprire cosa si nasconde nel buio, chi o che cosa sono le Creature Oniriche, e cosa accade quando esse entrano in contatto con il mondo reale.

LA RECE DELLA KATE: 

Io.

Io sono una creatura d’ombra che cerca un poco di luce.

Io, probabilmente, come loro, sono una creatura onirica.

Descrivere questa raccolta di racconti non è semplicissimo proprio per la natura intrinseca della narrazione: evanescente come il respiro, leggera come l’aria, vaneggiante come un ubriaco eppure solida come una roccia. Olga si diverte con le parole e, probabilmente, con i suoi stessi pensieri che, talvolta, sembrano spuntare qui e lì in mezzo alle pagine, curiosi e malandrini. Giovani pensieri di una giovane donna che ha dato vita a una serie di racconti particolari e indescrivibili, ipnotici e davvero onirici che danno quella sensazione come tra il sonno e la veglia; quei pensieri che arrivano balordi mentre stai quasi per addormentarti e ti sembra di cadere nel vuoto e allora fai un balzo sul letto. Così.

Otto racconti che sembrano otto mondi diversi e che poi si scoprono essere parte di uno stesso universo, di uno stesso giorno, di una stessa realtà. Una realtà che a questo punto sembra meno reale e meno tridimensionale e che probabilmente andrebbe pensata come la pensa l’autrice. Probabilmente davvero noi ci perdiamo un sacco di cose. Probabilmente davvero i nostri antenati, che credevano agli spiriti, alle divinità e alle forze del bene e del male avevano ragione. Probabilmente davvero dovremmo essere più accorti, meno sicuri di noi stessi.

Forse non dovremmo dare per scontato le nostre ombre, non dovremmo prendere sottogamba un brutto sogno, non dovremmo prestare così poca attenzione al prossimo.

Perché gli ho dato 7?

Prima di tutto, lo sapete, non amo le antologie e le raccolte. Insomma, faccio volentieri altro. MA il titolo di questa raccolta mi ha catturata, Olga la “conosco” e ho pensato di potermi fidare.

Insomma, per farla breve, ho fatto bene.

Creature oniriche, pur appartenendo a un genere per me troppo astratto (onirico!!!) (io, per carattere, abbisogno di una scrittura più… come posso dire… pragmatica) è riuscito a catturare la mia attenzione – anche se non continuamente, ma è normale che sia così, per stile e per gusto personale – con una prosa garbata e asciutta nella quale nessuna parola era veramente di troppo. Racconti brevi e solo apparentemente autoconclusivi che, sul finire, intrecciano le loro radici per tornare a essere una sola (appunto) creatura.

Forse siamo tutti così: devoti al buio ma portati per sopravvivenza alla luce: una luce che rischiara l’anima, che ci tiene in vita, che fa di noi quello che siamo, che ci trascina, ogni giorno, verso un concetto universale di bene.

E se voi, per carattere, non siete portati alla luce, vi invito a farlo. Guardate in faccia la luce. Gli occhi dolgono, ma il cuore pulsa di vita nuova.

Ah.

Occhio alla vostra ombra.

Come?

Il mio racconto preferito?

Oh… il primo. Proprio perché io sono devota alla Luce. Al ripensamento. Alla Vita in ogni sua sfumatura. Anche io, come il protagonista, spesso sono tentata di abbracciare il buio. Ombrosa e sempre seccata, sempre scocciata, talvolta penso: “Vita di merda!”. Poi, però, ogni giorno, mi scopro innamorata pazza di tutto e di tutti.

7 note nere

9788825402568-7-note-nere

Titolo: 7 note nere

Autore: Maico Morellini

Editore: Delos Digital

Anno: 2017

Pagine: 58

Prezzo: 2,49 euro per il formato digitale (unico disponibile) acquistabile qui

Il voto della Kate: 8

SINOSSI:

Cosa vuole il demone che vive al di là dello specchio? Chi si nasconde dietro gli efferati delitti di un serial killer? Quale terribile potere hanno quei vecchi ferri da maglia?

Sette note oscure, sette storie nere. Un viaggio dal quale tornerete profondamente cambiati.

LA RECE DELLA KATE:

Nonostante Amazon si ostini a chiamarlo romanzo breve questo non è un romanzo breve ma, essendo voi tipini intelligenti, scommetto che lo avrete capito anche solo leggendo il titolo. 7 note nere è infatti una raccolta di racconti scritti dall’amico Maico Morellini nel corso degli anni; racconti che hanno partecipato e vinto concorsi, probabilmente tutti, a loro modo, simbolo di uno stile o di un momento specifico o di un pezzetto di strada fatto dal bravissimo autore reggiano. Un excursus – tenebroso – nella sua anima e nel suo stile, nel mondo horror italiano ma anche in un’Italia che smette di essere soleggiata e profumata di pizza e allarga tentacoli neri e furibondi sulla terra fertile. Fertile come la mente del nostro caro autore che, raccogliendo queste sette storie ci fa partecipi del suo mondo incantato ed onirico e ci accompagna in un viaggio breve ma pur sempre intenso e stilisticamente interessante senza la minima intenzione di tenerci la mano. Ed ecco quindi che non siamo attorno a un fuoco con gli amici a raccontare storie dell’orrore; non c’è niente di goliardico, niente di neppure vagamente tollerabile. Mi verrebbe da fare paragoni sempre italiani ma non li farò. Quello che voglio dire è che ho letto raccolte di racconti che sembravano davvero storie raccontate dal nonno davanti al camino per creare atmosfera, fare un po’ paura, raccontare storie che altrimenti sarebbero destinate a scomparire nel vento.

Qui… qui la sensazione è un’altra.

Lo sapete quale?

Io mi sono sentita al buio, al centro di una stanza, nessun tappeto sotto di me, solo il nudo pavimento. Ho sentito il senso di solitudine, eppure sola non ero. Ed ecco infatti che una voce, nel buio, dava inizio alla sua danza. Un tono pacato ma deciso, una voce di uomo profonda e roca. Era con me ma non era con me. Né benigna né maligna. C’era, e basta. Raccontava queste storie, e basta. Ero sola. Dovevo ascoltare.

Si parla di bambini, si parla di demoni, si parla di grandi e possenti Titani, si parla di strani alberi, c’è l’estate e il caldo, c’è la nebbia fitta della Pianura Padana, c’è l’odore di corruzione, l’odore di dolore, di malattia. Un odore che ricondurrei solo a un ospedale, detta sinceramente. Non c’è ambiente esterno che mi riconduca a certe sensazioni. Fragilità, morte occultata, finta normalità.

Perché gli ho dato 8?

L’ho accennato prima: io non sto dicendo che l’horror, in un modo o nell’altro, sia pur sempre e solo horror. L’horror può essere tale in mille modi diversi, declinato in mille maniere diverse. Ne ho letto talmente tanto in questi anni che sono certa di dire la verità. E poi… cosa c’è di più horror di ciò che viviamo ogni giorno? Non sto parlando delle nostre vite private, sia chiaro. La mia è luminosa. Sto parlando del panorama mondiale, degli ultimi avvenimenti, della crudeltà, della sete di vendetta, della sete di potere. C’è qualcosa di più horror? Viviamo così circondati dall’orrore che sublimarlo non è affatto semplice. Nemmeno il più terribile mostro lovecraftiano riuscirebbe a sublimare tutto lo schifo nel quale siamo immersi noi e – accidenti – i nostri figli.

Ma se l’horror è horror e gli artisti (anche in Italia) sono molteplici, è vero quindi che per dire davvero qualcosa è necessario dirla nella maniera corretta. Morellini è un uomo che conosce la lingua italiana, che conosce le sue regole, che ha il puro piacere di esprimersi in un certo modo. La sua prosa è ricercata, studiata, calcolata. I suoi periodi, le frasi che scrive, non sono mai casuali, mai “di pancia”. Leggo, nel suo lavoro, un amore reale per il mondo della scrittura e per il lettore. Un vero rispetto per la lingua, per la letteratura di genere e per chi leggerà. La finezza di pensiero e di scrittura, allora, diventa chiave di volta per una narrazione sapiente, strutturata, elegante e mai banale. Anzi. Non scontata, ecco. Come diciamo noi scout, tra i due sentieri Morellini sceglie quello meno battuto. La ricercatezza.

Una raccolta interessante.

Cosa?

Il mio preferito?

Il Titano, ovviamente. Da brividi.

Buona terrificante lettura, amici.

I clown bianchi – 13 storie d’autore

cover

Titolo: I clown bianchi – 13 storie d’autore

Autore: AA. VV.

Editore: Clown bianco

Anno: 2017

Pagine: 176

Prezzo: 6,49 euro in formato digitale acquistabile qui

Il voto della Kate: 7

 

SINOSSI:

Ci sono un vecchio amico di Fellini e un killer di mafia innamorato. Due gemelle difficili e una scelta che potrebbe salvare il mondo. Bambini stregoni e tatuaggi che spaventano. E si parla di una coppia stanca, di una curva assassina e di qualcosa che vive là sotto. Tredici autori importanti si divertono a raccontarci storie dove avere paura diventa un piacere.

 

LA RECE DELLA KATE:

Quando la giovanissima casa editrice ravennate mi ha proposto questa antologia mi sono, istintivamente, leccata le labbra. Non c’è niente di più bello, soddisfacente e godurioso per un recensore come me che essere presi in considerazione per un progetto tanto bello e divertente. Al netto dell’horror, del crime e dei clown (in parte protagonisti di questa raccolta) vale la pena fare un rapido download anche solo per rendere omaggio e godersi i roboanti nomi che hanno prestato la loro arte alla casa editrice Clown bianco e che hanno quindi contribuito a dare al progetto la visibilità e lo spessore che merita.

Ed ecco, quindi, accomodatevi in poltrona, mettetevi ben comodi, prendete pure qualcosa da mangiare, se vi va. Tanto non mangerete niente, vi dimenticherete anche di bere, e di pensare e dimenticherete alfine anche di esserci. Il viaggio sarà breve, quasi un film messo a velocità doppia. Una storia, un’altra ancora, un’altra ancora in un corsa che diventa sempre meno elegante, sempre meno pensata, sempre meno controllata. Perché un racconto finisce ma voi avrete bisogno di altra adrenalina e altra ancora e altra ancora. Un’altra dose. Sono brevi e belli proprio perché minimali, perché essenziali. Sono semi di paura che vengono piantati nel cervello e germogliano pagina dopo pagina, divertendo ma anche creando atmosfere ogni volta diverse e sempre studiate ad hoc per intrattenere il lettore con misura e sapienza.

Un battito di ciglia e si è a bordo di una Fiat vecchia e puzzolente, tra curve pericolose e il veloce blaterare di una donna non più giovane e piuttosto bolsa.

Un altro battito di ciglia. Siamo piccoli, siamo al buio, siamo nelle mani di ragazzini come noi, siamo folli.

Un altro ancora. Siamo in un vicolo, la pistola in mano, il freddo morso della morte che stringe in un abbraccio il caldo pulsare di un amore sbagliato.

Un altro ancora e, nel buio della notte, appeso a un arco, la tetra figura di un uomo di nero vestito, impiccato, il corpo oscillante in balia dei venti della sera.

E poi il tentativo di combattere il male compiendo, in extremis, altro male. Un male grande per un bene ancor più grande. Quello dell’umanità.

Perché gli ho dato 7?

I clown bianchi è un’antologia molto ricca in tutti i sensi. Ricca di nomi “importanti” ma anche ricca di contenuti molto diversi, variegati e tutti – senza nessuna distinzione – moderni, freschi e agili.

Una prosa snella e senza fronzoli e uno stile pulito e minimale contribuiscono a far scorrere la lettura senza nessun intoppo, rendendo l’esperienza un vero e proprio divertimento “al minimo sforzo”. È quasi – pare – come un binge watching di puntate di una serie tv decisamente ben riuscita.

Molti di questi racconti hanno come protagonisti proprio loro, i clown. Da sempre al centro della scena horror (ne abbiamo già parlato su questo blog), il clown fornisce il perfetto archetipo per un racconto da brivido a qualunque latitudine ci troviamo, qualunque sia la nostra età. Credo di saperlo bene: odio i clown. Non che mi abbiano mai fatto niente, sia chiaro. Nessun tombino e nessun naso rosso nei miei incubi, ma insomma… non mi piacciono, mettiamola così. Quel sorriso dipinto non mi convince. Quei ciuffi di capelli rossi ancora meno. Il sudore che deve esserci sotto quel costume poi… non ne parliamo. C’è una foto che mi ritrae insieme a un clown. Non so se faccia più paura la mia pettinatura (maledetti anni Novanta), il simpatico clown o la mia faccia (quella era colpa del clown).

E se quindi tutti i tasselli di questo macabro puzzle sono andati al loro posto (autori, stili e temi trattati) è pur vero che io, da lettrice, ho sentito sin troppo il senso di velocità. La sensazione è che la tastiera di questi scrittori scottasse e che a un certo punto si siano tutti trovati a dover concludere la loro storia in quattro e quattro otto per portare a termine il loro lavoro e andare a mettere la punta delle dita sotto l’acqua fredda. Ed ecco spiegato il 7 invece che un bell’8 pieno.

Ovviamente amici, sia chiaro: questa è la mia personale opinione, tra l’altro dopo aver chiarito che a me, in linea generale, la fluidità e la velocità piacciono (Iddio solo sa quanto sono stanca di narrazioni-pipponi) ma, ecco, in certi casi qui mi sono sentita un pochino sopra un ottovolante.

Ah, certo. Volete sapere i miei preferiti. Allora correte subito a leggere “Dietro ogni curva” della Avanzato, “Malabimbi” di Bonazzi per il terrore cieco, “Brusco risveglio per la famiglia Buzzone” di De Marco per le stupende atmosfere notturne, “La terza via” per l’interessante quesito iniziale (e la mia risposta è sì) e “L’ultimo sorriso del clown bianc0” di Padua.

Un sentito ringraziamento agli amici della casa editrice e i miei più vivi complimenti per il progetto molto ben riuscito, dunque.

Buona lettura!

 

Altrisogni Vol.3

altrisogni_vol3_437x600_96

Titolo: Altrisogni Vol.3

Autori: AA.VV.

Curatore: Vito Di Domenico

Editore: DBooks.it

Anno: 2016

Pagine: 117

Prezzo: 2,99 euro per il formato digitale (unico disponibile)

Il voto della Kate: 8

SINOSSI: 

Altrisogni – Antologia di narrativa fantastica, Vol.3 è la terza uscita di Altrisogni, progetto nato nel 2010 in forma di rivista digitale e trasformatosi poi in una collana di antologie di racconti.
Questo terzo volume propone i migliori racconti inediti di fantasy, horror, fantascienza e weird accuratamente selezionati dalla redazione negli ultimi mesi.
L’antologia Altrisogni Vol.3, con la magica illustrazione di copertina realizzata da Paolo Lamanna, ospita sette storie mai pubblicate prima di ottimi autori italiani, che spaziano dall’epic fantasy alla fantascienza distopica, dall’horror dissacrante al weird più inquietante. Un mix di generi e suggestioni pensato per soddisfare anche i lettori di fantastico più esigenti.
Contiene i racconti:
– Figlio di canti, di Davide Camparsi
– Dietro il frigorifero, di Federica Leonardi
– Furore, di Claudio Magliulo
– Hell Express, di Matteo Pisaneschi
– Mordred, di Fernanda Romani
– La lunga notte del ladro di ricordi, di Davide Schito
e
– Veduta di Carcosa, di Alessandro Girola

LA RECE DELLA KATE: 

Da sempre – chi mi segue lo sa – la mia attività onirica è fervida e molto interessante. Seguo i miei sogni come seguirei l’ultima serie in voga su Netflix o l’ultimo film al cinema, attenta ai particolari e completamente avviluppata dalla storia che si sta svolgendo, volente o nolente e letteralmente, sotto i miei occhi. I miei sogni sono a colori, sono verosimili, niente mostri né cose strane. Spesso sono molto belli, a volte angoscianti, ma sempre abbastanza aderenti alla realtà e, dunque, secondo me ancor più coinvolgenti.

Ok, sì;  l’ultima volta ho sognato che potevo carbonizzare chiunque con il calore delle mie mani, ma questa è un’altra storia (bella, però, ve lo assicuro!).

Perché vi sto parlando della mia attività onirica, direte voi?

Perché ieri ho scoperto il motivo per cui Altrisogni si chiama Altrisogni.

Altrisogni sono i sogni che non avete mai fatto.

Altrisogni è la vostra fantasia più scatenata.

Altrisogni è magia, futuro, disperazione, divertimento.

Altrisogni è intrattenimento, come ci ricorda il curatore, ma è un intrattenimento intelligente, sano, bello, pulito.

Sapete, a volte mi ritrovo a essere molto stanca. No… non del lavoro e della vita di mamma. Stanca del mondo, delle cose, delle persone. Stiamo diventando qualcosa che non mi piace più molto. A volte temo mi si cancellino i sogni e che il mio sonno sia solo un lungo e largo buio. Ho il terrore che succeda. Ho il terrore che tutta questa confusione mi e ci trasformi in qualcosa che non voglio diventare. E badate, non sto parlando di cose strane. Sto parlando dell’umanità più basica, dei sentimenti più semplici e naturali, delle cose più normali. O che almeno dovrebbero esserlo. Abbiamo troppe cose per la testa, tutti pretendono troppo da noi, noi pretendiamo troppo dagli altri. Ci dimentichiamo anche di noi stessi. Io sento gente dire: “Non ho avuto nemmeno il tempo di pranzare.” “Non ho avuto nemmeno il tempo di andare in bagno.” Sono cose gravissime. Cose a cui bisognerebbe non abituarsi mai. Io non voglio abituarmi a questa mala-umanità.

Ma Altrisogni tiene alti i pensieri, le speranze, i sogni. Tinge la nostra mente dei tanti colori dell’arcobaleno, graffia la superficie del nostro ipotalamo e inserisce da qualche parte, laggiù in fondo, quelle immagini fantastiche e piene di idee e di cose e di sensazioni di cui abbiamo un disperato bisogno. Prendete dunque questa antologia (e le tante che troverete in giro tutte Made in Italy) come una pillola di sogni. Come una medicina, sì. Una medicina contro le brutture, la fatica, la stanchezza, gli scazzi (perdonatemi) quotidiani che vi allontanano da quello che sentite di essere veramente.

Ma parliamo dei racconti, perdiana!

Ospite d’onore dell’antologia è Alessandro Girola. Alessandro non ha bisogno di presentazioni, il suo nome è conosciutissimo e la sua penna molto, molto amata da tutti gli amanti dell’indipendente e da tutto coloro che amano leggere bene e leggere italiano. Scrittore per passione smodata, ha voluto regalarci uno dei suoi tanti sogni, una delle sue molte fantasie con Veduta di Carcosa, un racconto a tema Lovecraftiano che trae spunto dal mondo dell’arte, in particolare dalla fervida immaginazione di un grande e immortale artista del nostro tempo: De Chirico. Poiché ho da poco (molto poco) avuto modo (non vi dico dove perché non andiate a svaligiargli casa) di vedere un vero De Chirico appeso davanti al mio naso, non ho potuto che leggere rapita questo bellissimo racconto dal finale giustamente inquietante.

Davide Schito racconta di un mondo distopico nel quale il sole si è spento e l’umanità ha subito alcune trasformazioni. Chi mangia gli altri, chi sa rubare ricordi, chi sa vedere nel futuro. Un racconto dal ritmo sincopato che è riuscito a trasmettere in pieno e senza molto sforzo tutta l’angoscia di una vita passata con gli occhi sbarrati verso il buio più totale.

Con Mordred la Romani ci fa fare un bel salto all’indietro e, molto presto, torniamo ai tempi della famosa Tavola Rotonda. Artù e suoi cavalieri ci faranno assaggiare, ancora una volta, il clangore delle spade e il sapore metallico del sangue versato.

Furore credo sia il mio preferito. Distopico anch’esso, racconta di un mondo nel quale le emozioni non esistono più, sono state spazzate via da non si sa bene chi o cosa. Al loro posto, comode pillole da assumere giornalmente per dosare i livelli di Odio, Amore e Passione. Un mondo terribile ma… wow… decisamente affascinante!!! Affascinante come un film.

L’amico Matteo Pisaneschi ha immaginato una Route 66 diretta all’inferno, una strada in mezzo al nulla nel quale un uomo, un uomo come tanti altri, ha scelto di trasportare non cose, non animali ma anime dannate. Dirette all’inferno. Ma io lo dico sempre: l’amore, alla fine, vince.

Dietro il frigorifero è terribile e fa accapponare la pelle. Io non so se riuscirò più ad avvicinarmi moltissimo al mio elettrodomestico di fiducia. La Leonardi mi ha fatto cambiare un tantinello la mia visione della cosa. Per quanto mi riguarda, lì dietro, non ci spolvero più.

Figlio di canti è un racconto a tema fantasy nel quale compaiono draghi e cavalieri, sangue e oppressione, dolore e morte e il desiderio unico e solo di tenere in vita un bambino troppo importante per essere sacrificato. Un bambino che ha un compito ben preciso, necessario a tutta l’umanità.

Perché le ho dato 8?

Mi sembra di essere stata abbastanza chiara e di aver scritto un incipit così lungo a questa recensione che ormai starete pensando: “Per l’amor del cielo, zittati, menestrello dei nostri stivali!”

Ma una cosa voglio dirla. Anzi due.

Partendo dal presupposto che, parlando di fantastico, io mi sento più adatta e più tranquilla se si parla di fantascienza futuristica (infatti il mio racconto preferito è Furore!), credo che questo sia il numero di Altrisogni più bello di tutti.

Breve ma non brevissimo, semplice da leggere (volendo farlo) anche in un sol colpo in una di queste lunghe sere autunnali, pieno di suggestioni diverse tra di loro che si fondono tra passato a presente creando una tavolozza di colori e un’immagine frammentata ma non disomogenea.

Chissà se riesco a spiegarmi…

Ok. Adoro il make-up, forse qualcuno di voi lo sa. La cosa che più amo sono le palette, scatoline che contengono molti ombretti. Diciamo che si può già chiamare palette una scatolina con 4 ombretti diversi ma si può arrivare (e chiamare sempre palette) anche una scatolina con 80 cialdine e dunque 80 colori diversi. Una palette con 12 colori, ad esempio, avrà 12 colori ovviamente diversi. Ma i 12 colori sono studiati in maniera tale da poter essere messi sull’occhio tutti in coppia o in trio senza mai risultare disturbanti. Colori diversi ma che, insieme, stanno bene e creano armonia.

Questa cosa è Altrisogni.

Diversità e armonia.

E, come mi piace dire sempre, amore per ciò che si fa mettendosi a servizio del lettore, vero padrone.

Leggetela.

 

Tutto inizia da O

mi2016_cop

Titolo: Tutto inizia da O

Autore: AA.VV.

Editore: Wild Boar – Collana Mondi Incantati

Anno: 2016

Pagine: 196

Prezzo: 10 euro per il formato cartaceo

Il voto della Kate: 8

SINOSSI:

“TUTTO INIZIA DA O e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni” è la quattordicesima uscita della collana Mondi Incantati, curata da sempre dall’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare. Il volume raccoglie quindici racconti di genere fantastico, premiati nei concorsi letterari di sei paesi: il Trofeo RiLL e SFIDA, per l’Italia, e poi il James White Award (Gran Bretagna), l’Aeon Award Contest (Irlanda), il premio Visiones (Spagna), il Nova Short-Story Competition (Sud Africa), la Short-Story Competition dell’Australian Horror Writers Association (Australia). Quindici storie: fantasy, horror, di fantascienza e, in generale, “al di là del reale”. Quindici racconti per esplorare la letteratura fantastica, scritti da autori italiani e stranieri. Illustrazione di copertina: Valeria De Caterini. Per ulteriori informazioni si rimanda al sito dell’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, che ha curato il libro: http://www.rill.it

LA RECE DELLA KATE: 

Ciao amici, bentornati!

Oggi vi voglio parlare dell’ennesima antologia. Dico ennesima perché me ne stanno capitando sotto mano davvero tante, tantissime! E, lo sapete, stavo anche cercando di smettere  🙂  Ma il destino ha voluto che proprio quando ho pensato “Adesso le antologie non le prendo più, almeno per un po’.” io abbia ricevuto richieste di recensione per ottomilioni di antologie BELLISSIME. Oh, santa polpetta, al diavolo i buoni propositi e datemi questa benedetta antologia, su, su , su!

Tutto inizia da O non è un’antologia. Ma sembra essere L’antologia. Il punto zero di ogni antologia italiana del fantastico. Mi ero eccitata così solo per le due raccolte di racconti (sempre Rill, tra l’altro) di Luigi Musolino, Oscure regioni. Poco da fare: Rill c’è. Sul pezzo, moderna, oculata, precisa. Non mi sono mai e dico mai pentita di aver accettato uno dei loro libri. Mai. La scelta dei racconti è pregevole, l’armonia tra gli stessi incredibile, la qualità degli scritti stupefacente. Chiaro, qui c’è anche qualcosa che viene da fuori ma… molti dei miei preferiti sono tutti nostrani, tutti italianissimi e tutti – penso – geniali.

Si vede che mi è piaciuta? Sì, eh?

Ok, torniamo a bomba e andiamo a parlare con un pochino più di precisione di questo bel progetto.

L’antologia è divisa in tre parti. Nella prima parte (che va da pagina 13 a pagina 63) troverete i primi quattro classificati al XXII Trofeo RiLL; nella seconda parte (che va da pagina 64 a pagina 133) troverete i racconti del RiLL World Tour, racconti premiati nei concorsi letterari di sei Paesi; nella terza parte (che va da pagina 134 a pagina 185) troverete invece alcuni dei racconti che hanno partecipato a SFIDA, il concorso gratuito che RiLL riserva dal 2006 a chi è giunto, una o più volte, in finale al Trofeo RiLL.

Se vi sentite confusi niente paura: è molto più facile leggere l’antologia che cercare di comprendere i miei spiegoni ahahahaha!

I racconti, lo dice la sinossi, sono quindici. I miei preferiti in assoluto, quattro. Due italiani e due provenienti dall’estero.

Mi sono innamorata di Prova di recupero. In un mondo distopico cinico e terrifico, i ragazzi che non superano le prove di recupero scolastico vengono, semplicemente, uccisi.  Il terrore del nostro protagonista stilla dalle pagine di carta come resina velenosa e appiccicosa che afferra la gola e il cuore.

Ho perso la testa per L’arca di Pandora, una nave che viaggia nello spazio con a bordo quella che pare essere l’ultima donna vivente. Struggente fino al midollo, bello come un film, visionario come un sogno. L’ho adorato in ogni sua riga, mi sono commossa sul finale, ho la pelle d’oca anche adesso che ne scrivo. Una di quelle cose per cui penso “Quand’è che mia figlia cresce, così può leggere questo splendore???”.

Con Carta, sasso e incisivi mi sono indignata, ho esultato, ho gridato nell’arena, ho fatto il tifo per questi esseri umani mutanti obbligati a combattere per risolvere le controversie dei loro popoli. Sacrifici umani in pasto alla violenza altrui. Ho immaginato il chiasso, la polvere, le grida l’odore del sangue e della paura. Ho visto i due eroi, le loro mutazioni, la loro vita, i loro dolori. Sulla chiusa ho sorriso, beata.

Il tocco di Roscia, che arriva poco prima del finale, è la ciliegina su una torta che era già meravigliosa, buonissima e appagante di suo. Un critico enogastronico famoso in tutto il mondo, un vino cassato e un vino che sembra essere il nettare degli dei, qualcosa in grado di surclassare qualunque altro sapore, qualunque altra cosa. La rovina di un uomo.

Perché gli ho dato 8?

Non credo che servano altre spiegazioni, ve ne ho già date tante e sono stata sin troppo prolissa.

Sapete cosa sto per dirvi, vero?

Chi mi segue, lo sa.

Ditelo insieme a me.

LEGGETELO.

Mendicanti d’autunno

Risultati immagini per i mendicanti d'autunno

Titolo: Mendicanti d’autunno

Autore: Luigi Pellini

Editore: DBooks

Anno: 2014

Pagine: 251

Prezzo: 15,00 euro per il formato cartaceo – 3,90 euro per il formato digitale

Il voto della Kate: 6/7

SINOSSI:

La stagione dei colori che si attenuano, del crepuscolo che irrompe quando il giorno sembra ancora promettere il meglio, della malinconia che ti abbraccia, del buio che ti avvolge mentre cammini e del freddo che ti sorprende, facendoti rabbrividire: è l’autunno, che riempie il tempo e lo spazio di questa raccolta di storie brevi, lunghe, tristi, ironiche, paurose, delicate, romantiche e ciniche. Storie di ultimi addii, di favole senza consolazione finale, di abbandoni vendicati, di bambine e di elfi di saggina, di morti che camminano e di anime prigioniere. Storie raccontate a volte in un sussurro, a volte gridate, ma che è impossibile non ascoltare. Sono le storie dei Mendicanti d’autunno, racconti fantastici che portano la firma di un autore che sa spaventare con il sorriso triste della stagione del commiato.

LA RECE DELLA KATE:

Un bosco di notte. Tutto ha inizio da un bosco di notte.

Alessandro ha scelto proprio lui, proprio Riccardo.

Nel bosco di notte, quella notte, arrivano ancora i mendicanti d’autunno. Riccardo deve vedere. Riccardo deve sentire. Riccardo deve sapere.

Riccardo che però dovrebbe mentire ai suoi genitori, dovrebbe uscire di casa alle sei del pomeriggio e non tornare, non tornare per la notte. Sono cose serie, mica cose sulle quali scherzare ma… i mendicanti d’autunno raccontano delle storie… delle storie incredibili, perché loro viaggiano il mondo e e quello che raccontano ti fa battere il cuore e ti lascia senza respiro. Una cosa così ti fa diventare speciale per osmosi – dice Alessandro – perché tutto quello che vedi e ascolti è speciale. Alessandro ammalia Riccardo, e Riccardo, alla fine, accetta. Andrà a conoscere i mendicanti, andrà ad ascoltare le loro storie che sono come magia ma ancora meglio. Meglio del circo. Meglio della televisione. Meglio di tutto. E presto sono nel bosco, presto attorno a loro piccole luci simili a fuochi fatui, ombre allungate e nere come la pece, un uomo molto magro, una donna dalla pelle scura, un vecchio curvo e nodoso. Le luci attorno a loro non servono per far illuminare la notte, ma per rendere più scure le stesse ombre. Per confondersi meglio nella notte, con quei loro cappucci e quei volti indefiniti.

E la magia – una magia obnubilante e terrifica – ha inizio.

Non crediate che i mendicanti d’autunno raccontino storie di un autunno colorato e dalle foglie crocchianti. Non crediate che l’autunno da cui provengono sia un autunno dolce, giallo e arancione. Il loro autunno è marrone, scivoloso, grigio. La peggiore delle giornate, cielo grigio fumo e pioggia ghiacciata che entra dalla giacca e si insinua lungo la schiena. Vi sentirete afferrati alla base del collo, guardati da uno sguardo affatto benevolo, giudicati e non voluti, minacciati da qualcosa che nemmeno comprendete e che mai comprenderete.

I mendicanti d’autunno esigono il loro tributo.

Perché gli ho dato 6/7?

Due considerazioni, del tutto personali, come sempre, ché io non sono un critico letterario ma solo un’umile serva dei libri che mi vengono affidati.

La prima considerazione è che, secondo me, anche la raccolta di racconti più figa e spaziale dell’intero pianeta non può essere molto lunga. Già (lo sapete) le raccolte – che siano di autori vari o di un solo autore – non hanno più tutto quell’appeal su di me, se poi sono molto corpose l’entusiasmo arriva al lumicino.

La seconda considerazione è che, in questo caso specifico, non tutti i racconti sono indimenticabili e secondo me non tutti andavano inseriti nella raccolta. Ma tant’è.

Credo che questo libro abbia un incipit pazzesco, molto teatrale, molto d’atmosfera.

Se è vero che la combo ragazzini/bosco non è nuova al genere e mai sarà una novità, è anche vero che l’autore si è rivelato particolarmente bravo a creare un mondo-dentro-al-mondo-dentro-al-mondo (il nostro mondo di lettori-il mondo dei due ragazzini nel bosco-il mondo immaginifico dei mendicanti) che ricorda un po’ i vecchi telefilm anni ’80, con certe atmosfere tutte particolari e vagamente inquietanti create da ragazzini inquieti, curiosi e sprezzanti del pericolo.

Dicevo che non tutti i racconti sono centrati, puntuali e arrivano al lettore. Alcuni – credo – si perdono nel tentativo di dare, dare e dare con sempre più parole, sempre più immagini, sempre più dialoghi quando invece, nella maggior parte dei casi, sono proprio i racconti più brevi quelli che spiazzano e creano quell’effetto “pelle d’oca” che a noi lettori piace.

Tra i tanti, mi piace menzionare Prâna, Nozze d’oro, Raccolta alimentare, Non è amore, Pensieri, Il ristorante del morti.

Ma io sono certa, anzi certissima, che ognuno di voi troverà i suoi racconti preferiti, le sue atmosfere perfette, le sue idee migliori, pagine da piegare, segnalibri da apporre, occhi da sgranare.

Le oscure fantasie di Pellini accenderanno la vostra mente, faranno palpitare i vostri cuori e certe idee, certe trovate, vi saranno d’aiuto per sviluppare un certo vostro ideale fantastico, perché qui davvero ne abbiamo per tutti i gusti.

Da leggere tutto in un fiato o piano piano, racconto dopo racconto, per terminare la serata con un sorriso un po’ incerto, non sicurissimi, al fin fine, di riuscire a dormire sonni tranquilli.

I mendicanti d’autunno amano viaggiare, del resto.

Se la prossima tappa fosse casa vostra?

Una citazione a parte va fatta alla cover. Più che bella, meravigliosa. Ci fosse la possibilità,  comprerei sicuramente la stampa.

Fuori si gela

Risultati immagini per fuori si gela fernandel

Titolo: Fuori si gela

Autore: Debora Omassi

Editore: Fernandel

Anno: 2016

Pagine: 160

Prezzo: 13,00 euro per il formato cartaceo – 6,49 euro per il formato digitale

Il voto della Kate: 5 ma anche 7

SINOSSI:

Denise, ex modella e tossicodipendente, vuole troncare il difficoltoso rapporto con l’amante. In una serata di pioggia, in cui la “Milano bene” appare per quello che è realmente, sporca, desolata, infida, la protagonista finirà per diventare complice di un delitto… Nei nove racconti di Fuori si gela il freddo di una Milano cupa e invernale si mescola al gelo interiore dei protagonisti, una sensazione d’angoscia che li tiene svegli di notte ma che ognuno custodisce come un tesoro di cui non ci si vuole liberare, che sta in quello spazio appena sopra lo stomaco e poco sotto il cuore. Esistenze alienate, personaggi che soffrono la mancanza di qualcosa, professionisti del fallimento e della solitudine. Tutti, senza eccezione, si trovano davanti a un bivio, e qui devono decidere se e come affrontare se stessi e il proprio passato, ma il mondo in cui sono immersi è crudele, meschino, impietosamente sincero. Un mondo in cui la via della redenzione è impraticabile.

LA RECE DELLA KATE:

C’è Vittorio. Una vita simile a tante altre; casa, moglie, figli, lavoro, piccole passioni, piccoli desideri, la fatica di ogni giorno resa più sopportabile dalle tante soddisfazioni e dalle piccole gioie che poi danno ci danno la possibilità di fare ancora un altro passettino, ancora un altro, ancora un altro. Fino a quando un medico frettoloso e non molto partecipativo ti dice che quella donna lì, quella che è la madre dei tuoi figli, quella che hai amato, è molto malata. Molto, molto malata. E all’improvviso non si cura, non si mette lo smalto, non si pettina, ingrassa, tenta di mangiare il telecomando e urla, urla. Urla cose terribili. E i figli che hai cresciuto se ne vanno e tu rimani lì, da solo.

C’è Fabio. Uno dei tanti ex. Uno di quelli che aveva un matrimonio e adesso non lo ha più. Uno dei tanti che aveva una moglie e adesso non l’ha più. Uno dei tanti che aveva una vita e adesso non solo l’ha più, ma tenta di cancellare anche quella altrui. Fabio è uno di quelli che chiama di notte, che minaccia il suicidio, che piange, che fa la vittima. Uno di quelli, insomma, che la vita te la rovina davvero, se vuole.

C’è Laura. Sognava una vita normale invece è andata a sbattere contro un uomo violento. Prima una sberla, poi un’altra, poi un naso rotto. Le cose funzionano così: lui paga le spese, lei sta zitta. Perché non ha una rete intorno, perché è sola, perché ha una paura fottuta. E quando la felicità bussa alla sua porta, lei si distrae troppo, brinda un calice fatale, chiude gli occhi. Si tratta di un attimo.

Sono solo alcuni dei protagonisti dei racconti che troverete in questa raccolta. Protagonisti ignari di essere seguiti, guardati, osservati e giudicati dalla penna della Omassi, che dipinge per noi alcuni scenari decisamente… da brivido.

Perché gli ho dato 5 ma anche 7?

Ma soprattutto… cosa stai dicendo, Kate?

Sto dicendo che non mi sento di dare un voto univoco a questa raccolta, pertanto ho pensato di dividere in due la recensione.

Il primo voto, il 5, si riferisce ai temi trattati.

Io non sono un’allegrona di natura. Lo ero, lo ero. Da ragazzina ero un vero tornado. Cantavo a voce altissima, ero la buffona di corte, mi facevo sbattere fuori dalla classe, facevo casino non appena potevo, ridevo a voce altissima ed ero ben lieta di organizzare ritrovi, cene, serate. Ero piena di energie. Facevo tutto senza sforzo. Poi… poi le cose sono cambiate. La vita ti cambia. Le situazioni ti cambiano. L’età ti cambia. Non sono certo una maniaca depressa, sono molto fortunata e godo di una salute quasi ottima (certo, durante gli attacchi emicranici sono molto poco spavalda) ma i tempi dei vent’anni sono decisamente cambiati. Molto più riflessiva, vagamente più introversa, decisamente più perplessa su alcuni temi. Ma sapete cosa? Per me il mondo rimane sempre e comunque un posto meraviglioso. Io indosso 24/24 e 7/7 dei magnifici occhiali rosa. Non è colpa mia, ci sono nata. Anche se tendo a fare l’orso, io vedo le cose in rosa big babol. Vedo le cose belle, ok? Non ce la faccio a fissarmi sulle brutture. Non ce la faccio a parlare di politica. Non ce la faccio a sparlare dei giovani di oggi. Non riesco proprio a pensare al mio Paese come a un Paese corrotto e incivile. Vedo che ci sono delle cose brutte, ma vedo anche tutto il bello attorno a questa pallina nera e sporca. Io sono ottimista. Io credo che il disagio espresso ad alta voce generi solo altro disagio. La visione della Omassi, quindi, mi mette in difficoltà. Omicidi, morte, malattia, violenza. Io… io so che queste cose esistono, d’accordo? Lo so. Non sono una sciocca, e lo so. Mia madre è venuta a mancare quando avevo 21 anni. So bene che il mondo NON È poi molto rosa. Ma non ho nemmeno voglia di vedermi sbattute in faccia tutte le schifezze che ci sono. E allora perché l’ho letto? Perché ero curiosa. Perché sono una blogger. Perché amo leggere. Perché amo le novità. Perché mi piace la CE in questione. Perché nonostante non sia il mio genere preferito, così “dark” e così crudo, voglio leggere, sapere, informarmi, capire. Queste, comunque, non sono storie di vita. Sono storie di solitudine, che è altra roba.

Il secondo voto, il 7, è invece un giudizio tecnico. Per come posso essere tecnica io, ovviamente.

Il racconto – l’ho già detto altre volte – è una prova non semplice. Se in un romanzo hai svariate possibilità di attirare l’attenzione del tuo lettore, in un racconto tutto si svolge nel giro di quanto? Dieci pagine? A volte meno. Dieci pagine per far innamorare. Dieci pagine per convincere. Hai dieci pagine per farmi pensare “Ok, continuo a leggere”. Un incipit via l’altro, insomma. La prova più difficile per un autore – l’incipit appunto – ripetuta “enne” volte. Wow, eh? Già. C’è chi non sa scrivere nemmeno una mail di lavoro, poi c’è chi sa scrivere nove racconti e tutti e nove credibili. Ri-wow. Fuori si gela è una buonissima prova che, temi trattati a parte, scorre via come una lama calda sul burro. Si legge, si legge, ancora si legge. Si volta pagina, vita dopo vita, con un senso di angoscia ghiacciata che sale dalle viscere fino a su, alla gola. La prosa è fluida, sicura, tenace. La Omassi tiene in pugno lettore e attenzione, suspance e ritmo con uno sforzo che sembra (basta che sembri, va bene così) assolutamente minimo. Uno sguardo acuto e interessante sulla solitudine moderna che spesso trova ostacoli anche lì dove in realtà non ce ne sono affatto. La paura della paura, la paura del fallimento, la paura della non-esistenza come armi potenti e mortali.

Un’Italia gelida, sola, arrabbiata e nebbiosa per una lettura ideale in questi lunghi e tristi pomeriggi autunnali.