Creepypasta

 

creepypasta

Titolo: Creepypasta

Autore: AAVV

Editore: Nero Press

Anno: 2017

Pagine: 67

Prezzo: Disponibile solo in formato digitale a 0,99 euro.

Il voto della Kate: 7/8

SINOSSI:

In questa raccolta digitale, diversi autori si cimentano nella riproposizione romanzata di alcune delle più famose creepypasta, altri, invece, propongono delle proprie creazioni, mantenendosi però aderenti agli archetipi del genere. Canzoni maledette, apparizioni, stazioni fantasma, case nel bosco e altre leggende vi introdurranno nell’inquietante mondo delle creepypasta. Inoltre,  nello speciale che precede i racconti, Biancamaria Massaro spiega le origini delle Creepypasta, raffrontandole con le moderne narrazioni digitali. Molto spesso, scoprirete, non c’è grande differenza tra leggende metropolitane e notizie reali manipolate dei media a scopo sensazionalistico.

LA RECE DELLA KATE (e perché gli ho dato 7/8):

Il bello della casa editrice Nero Press è che nei “momenti forti” (termine rubato al mondo scout) dell’anno fanno uscire certe raccoltine di racconti succose succosissime. Brevi, simpatiche, con delle cover letteralmente pazzesche e tutto sommato ben fatte. So che partono non con larghissimo anticipo nella ricerca degli autori e dei racconti giusti, dunque il risultato finale (molto spesso più che buono) diviene ancora più apprezzabile. Dalla sua, Nero Press ha un parco autori di tutto rispetto che spesso di prestano a scrivere delle vere e proprie chicche di pochissime pagine che però rendono l’idea e del loro stile di scrittura (dando quindi la possibilità di andare a ripescare in rete altre cose che hanno scritto) e dello stile della stessa Casa Editrice che fa dell’orrore un orgoglio e una bandiera.

Entrando nel dettaglio, possiamo notare che questa non è una raccolta di racconti qualsiasi. Se mi sono gettata a capofitto nella lettura e nella conseguente recensione di questo lavoro, è perché è stato scelto per tutti non il classico tema “Halloween” ma un vero e proprio filone narrativo che mi ha sempre incuriosito e che conosco ben poco: il creepypasta.

Il termine Creepypasta deriva da “Copypasta” (a sua volta derivante da “Copy and Paste”, il nostro Copia e Incolla), un neologismo inglese che indicava un blocco di testo copiato e incollato più e più volte di sito in sito. Una Creepypasta è un racconto breve e originale che nasce per terrorizzare e provocare shock nel lettore; è una tendenza piuttosto recente scaturita proprio dal web

Un esempio fra tutti: l’esperimento russo del sonno. Non lo conoscete? Andate a digitarlo su Google e avrete un’idea chiarissima di cosa sia un creepypasta. Da p a u r a. Io AMO queste cose. Alla follia.

Secondo me non tutti i racconti di questa raccolta sono centratissimi; alcuni sembrano “semplicemente” racconti dell’orrore. Il che non toglie bravura e impegno e dedizione all’autore, ma toglie forse qualcosa al prodotto finale.

Tra tutti, degni di nota sono La stazione fantasma di Beppe Roncari; Dopo la guerra di Flavia Imperi e I ritratti di T.S.Mellony (mamma che brividi m’ha fatto venire!).

La raccolta si apre, poi, con lo speciale dal titolo: “Narrazioni digitali: leggende metropolitane, Creepypasta e il fenomeno Blue Whale tra realtà e finzione” scritto in maniera chiara, concisa e magistrale dalla bravissima Biancamaria Massaro.  Debbo dire che queste prime pagine da sole valgono di gran lunga il prezzo dell’ebook e probabilmente andrebbero lette da tutti tutti tutti. Davvero molto chiaro, esaustivo e ben scritto. Una boccata d’aria fresca. Brava Biancamaria!

Insomma, pollice decisamente alzato per questo nuovo prodottino edito dagli amici di Nero Press. Ottimo!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...