Ucciso il 4 luglio

9788825402834-ucciso-il-4-luglio

Titolo: Ucciso il 4 luglio

Autore: Marco Ischia

Editore: Delos Digital

Anno: 2017

Pagine: 48

Genere: Thriller

Prezzo: 1,99 euro – disponibile solo in formato digitale

Il voto della Kate: 6 ½

SINOSSI:

Doveva essere una spensierata vacanza, per Mario. Una straordinaria opportunità per festeggiare il compleanno dell’amico fraterno, Steve, che lo ha invitato a godersi lo Sunshine State. La Florida!

Purtroppo, mentre a Fort Lauderdale locali e turisti si gustano l’Air & Sea Show e i festeggiamenti dell’Independence Day, in un’area industriale abbandonata, un uomo viene ucciso a sangue freddo. E una fotografa free lance, amica di Steve, coglie sul fatto l’omicida.

È l’inizio di una spirale di eventi in cui il povero Mario, professore precario di motoria ma non per questo uomo di azione, si ritroverà coinvolto. Nel cercare di venirne fuori vivo, salvando le chiappe pure a Steve e alla sua amica, scoprirà che l’America non è sempre quella di Hollywood e dei serial che tanto ama. O amava…

LA RECE DELLA KATE:

Ce la si aspetta così, l’America: grande, festosa, sorridente, soleggiata, chiassosa, maestosa. Il mito americano non conosce fine e, chiunque tu sia, almeno una volta nella vita ti troverai a mormorare: “Un giorno andrà in America”. E magari, se sarai fortunato, ci andrai. Se sarai ricco ci andrai anche più di una volta, per dire. Se, come me, hai il terrore del volo, non ci andrai mai e non potrai fare altro che rincoglionirti di film, documentari, servizi fotografici, serie tv, racconti e fotografie altrui bevendo ogni singolo dettaglio, non potendo scegliere cosa ti piaccia di più e cosa – più di ogni altra – vorresti vedere. New York? Scontata ma… che voglia di vedere Central Park!!! Il Sud? Forse un po’ caldo ma… quanti colori!!! La costa? Oh, la costa sì! Non metterei piede in acqua, ma l’Oceano dev’essere da sballo!!! Eccomi qui, anche io vittima del sogno americano, di quel miraggio a stelle e strisce che ha fatto viaggiare (a volte anche per intere settimane) persone di tutto il mondo alla ricerca di una felicità e di una realizzazione che oltreoceano sembra essere alla portata di tutti; del ricco come del povero, del bianco come del nero, del giovane come dell’anziano.

Mario, invece, sarebbe restato volentieri a casa sua.

Ma non ha avuto scelta: un biglietto già pagato lo ha trascinato in Florida, dall’amico di sempre Steve (si chiama Stefano, è italianissimo, ma un nome anglofono non si nega a nessuno di questi tempi) che, adesso, fa il gradasso alle trazioni sfidando un marine grande e grosso come un tir. Sorride, Mario. Lui che è solo un professore di educazione fisica spalanca gli occhi davanti a tutta questa magnificenza, allegria contagiosa, esagerazione tutta americana. Provo a pensare se in Italia i Carabinieri si mettessero a fare le trazioni alla sbarra sfidando i passanti. No… niente, Non riesco nemmeno ad immaginarlo. Follia. Qui, nessuno lo farebbe mai. Per senso del decoro, per quell’ingessamento tutto italiano che ci fa pensare che se ridi poco allora la gente ti prende più sul serio (che odio).

In mezzo alla musica e al caos le cose improvvisamente precipitano e lo scivolo che conduce verso i guai (guai grossi come una casa) prende una curvatura sempre più ripida. Steve viene sequestrato e Mario si trova in tasca una scheda SD con alcune foto a dir poco scomode.

Bisogna tenere il salvo la schedina, recuperare Stefano e chiedere chiarimenti a chi ha scattato quelle strane e pericolose foto. Ma Mario è solo un professore e l’azione, lui, l’ha vista solo nei film.

Perché gli ho dato 6 ½?

Ho dovuto fare una media tra un plot e una scrittura avvincente e un editing che fa pietà. Refusi su refusi, parole inglesi scritte male, virgole messe giù alla… ci siamo capiti, no? Il modo in cui questo racconto è stato editato è a dir poco pessimo e- debbo dire – sono rimasta parecchio stupita, visto che è la prima volta che mi capita con la Delos.

Avrei potuto scegliere di non recensirlo, ma lo faccio perché Ischia se lo merita.

La storia è piacevole, la narrazione scorrevole e divertente, le atmosfere di festa sono rese benissimo e – per quanto mi riguarda – avrebbero potuto essere infinite tanto erano evocative.

Se le descrizioni sono così ben fatte è perché l’autore descrive semplicemente (ma efficacemente) cose che i suoi occhi hanno realmente visto e che – possiamo immaginare – ha amato. La descrizione di ciò che conosciamo è sempre molto più chiara della descrizione di ciò che abbiamo studiato o delle cose sulle quali ci siamo informati a lungo. Ischia ci ha mostrato ciò che ha visto creando per noi un’atmosfera che sembra essere molto molto vicina a quella che lui stesso ha trovato in America.

Davanti a questo tripudio di musica, risate, colori, lingue diverse che s’intrecciano, i personaggi scolorano un pochino e si perdono in mezzo alla storia. Sono cose che succedono nei racconti brevi: il poco spazio a disposizione porta l’autore a dare risalto a una cosa tralasciando le altre. Il che, per una lettura che occupa 30-40 minuti va tutto sommato bene e non è poi così deprecabile.

Marco Ischia presenta quindi un thriller in pieno american style che non potrà non essere apprezzato da tutti coloro i quali, di sera, fanno canale canale canale alla ricerca delle nuove puntate NCIS e compagnia danzante.

Più da maschietti che da femminucce, forse, ma mi ha comunque convinta.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...