La piccola casa dei ricordi perduti

la-piccola-casa-dei-ricordi-perduti

Titolo: La piccola casa dei ricordi perduti

Autore: Helen Pollard

Editore: Newton Compton

Anno: 2017

Pagine: 338

Prezzo: 7,90 euro per il formato cartaceo – 2,99 per il formato digitale

Il voto della Kate: 7

SINOSSI: 

Emmy Jamieson arriva a La Cour des Roses, una bella pensione nella campagna francese, con l’intenzione di trascorrere due settimane di relax in compagnia di Nathan, il suo fidanzato. Tra loro c’è qualche problema, ma Emmy è certa che questa vacanza risolverà tutto. Si sbaglia… Neanche il tempo di disfare le valigie e Nathan se l’è già svignata con Gloria, la moglie di Rupert, il proprietario della pensione. L’uomo è scioccato ed Emmy, sentendosi in parte responsabile dell’accaduto, si offre di aiutarlo a gestire la pensione. Emmy ha il cuore a pezzi, ma si trova all’improvviso in una dimensione nuova, circondata da tanti amici. E anche da qualche uomo interessante: Ryan, il provocante giardiniere, e Alain, il ragazzo che si occupa dell’amministrazione, irritante ma bellissimo. Mentre Emmy si riappropria del proprio tempo e del contatto con la natura comincia a sentirsi a casa. Ma sarebbe una follia lasciare amici, famiglia e tutto ciò per cui ha sempre lavorato… O no?

Perché gli ho dato 7?

Sì, lo so. Sto correndo. Il punto è che ci troviamo davanti a un romance molto leggero, molto frivolo e molto estivo che non ha bisogno poi di MOLTISSIME parole. La sinossi dice già tutto quello che c’è da sapere e voi non avete bisogno di sapere altro se non che questo romanzo è sì frivolo, viene sì da una casa editrice che non cura molto il prodotto finale, ma viene anche da una scrittrice che in qualche modo il fatto suo lo sa, perché descrive in maniera così dolce e perfetta il paesaggio francese che sembra di essere lì, accanto a lei, a osservare i prati molto verdi, bere te fresco. Sembra di sentire le cicale e quel calore sulla pelle che non fa sudare ma che profuma di estate e di libertà e di crema solare. Sarà perché amo la Francia – me ne sono innamorata molto tempo fa e l’ho anche scelta come meta (on the road) per il mio viaggio di nozze – ma questo romanzo mi ci ha fatto tornare. Profumi, accenti, sorrisi, tutto. La corte delle rose, la pensione nella campagna francese nella quale arrivano Emmy e il suo fedifrago fidanzato, è così ben dipinta che sognerete di poterla prenotare su Airbnb; ve lo giuro, croce sul cuore. Ho sentito il profumo del caffè, la croccantezza del pane caldo, ho sentito l’acquolina in bocca per i piatti di Rupert. Ho sorriso, anche. Molto.

E’ vero ciò che viene detto in copertina; è vero che leggere questo libro è come fare un viaggio in un posto nel quale si è sempre voluti andare. E’ esattamente così. Ne esistono di posti così? Se sì, voglio andarci. Adesso. Ora.

Voglio il mio Rupert, voglio incontrare Emmy. Voglio essere loro amica. Voglio cenare con loro e litigare con Rupert. Voglio svegliarmi alla mattina e sentirmi a casa. Voglio essere felice come Emmy.

Certo, ci scappa un po’ di sesso qui e lì ma sempre descritto con grazia e senza risultare scabroso.

Il tutto risulta invece brioso, allegro, molto estivo, molto romantico.

Ve lo dico?

Io ho già prenotato su Kindle il seguito, che uscirà a fine mese. Lo dico un po’ vergognosa ma… devo vergognarmi? Ma no, no. Leggetelo anche voi, se avete voglia di Francia, di odori, di buona cucina, di amicizie vere e di riscatto. Io ve lo consiglio di cuore, è davvero ideale per questo momento dell’anno.

Provate, mi saprete dire!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...