Il burattinaio

il-burattinaio-275x370

Titolo: Il burattinaio

Autore: Alessandra Pepino

Editore: Nero Press

Anno: 2017

Pagine: 63

Prezzo: 0,99 euro per il formato digitale acquistabile qui

Il voto della Kate: 7

SINOSSI:

Mindy Iannaccone è un commissario molto particolare. In perenne lotta con la sua linea in sovrappeso, è un tipo schietto e verace, che non bada alle buone maniere quando c’è da lavorare. Il ritrovamento del corpo di un bambino sulla spiaggia di Acquamorta, a Monte di Procida, vicino Napoli, dà inizio alle indagini. Quando, la mattina dopo, si presenta in questura don Giulio, un prete che un tempo lei aveva conosciuto e stimato, confessando di essere l’assassino del piccolo, lei stenta a crederci. Don Giulio sembra però convinto di ciò che dice e Mindy, che vuole vederci chiaro, comincia a indagare sul suo passato, scoprendo che, tanti anni prima, l’uomo si era spretato dopo aver fatto visita, in carcere, a un detenuto di nome Carmine Incoronato, che aveva a sua volta ucciso un ragazzino. Ma che legame c’è tra i due?  E Incoronato sarà disposto a collaborare? Mindy non si fermerà davanti a niente pur di scoprire la verità.

LA RECE DELLA KATE:

Non c’è giallo classico senza un commissario e non c’è commissario degno di tal nome (o perlomeno, ma questa è la cosa più importante, che piaccia a me) che non abbia una forte caratterizzazione del personaggio.

Mindy (che – attenzione – non è il diminutivo di Melinda) Iannaccone non fa differenza. Quasi (quasi!) quarant’anni, otto chili in più, un grande e spasmodico amore per il cibo che la sua dietologa non approva, troppe, troppe mele e verdurine da sgranocchiare, un gatto e nessun marito, è piuttosto burbera senza essere aggressiva e possiede quella dolce schiettezza partenopea che le impedisce di sembrare una gran maleducata. Ama il suo lavoro ma sui pasti non transige. Forse perché non transige la sua dietologa, pensiamo noi. Comunque insomma, essere disturbata dopo una lunga giornata di lavoro proprio quando si sta accingendo a mangiare tonno in scatola e due o tre verdurine dall’aspetto nosocomiale proprio no, non va bene.

Ma la cena aspetterà, almeno questa volta.

Si chiamava Luca Sollo, aveva appena dodici anni ed era un bravo ragazzino. Un bravo ragazzino che è stato malmenato, stuprato e affogato. E a comparire davanti a Mindy chi è? Il suo vecchio parroco, un uomo buono che ha sempre amato i bambini e che (ci mancherebbe altro) li ha sempre rispettati. Uno di quei preti di provincia che tutti amano, che diventano parte della cittadinanza, che tutti chiamano col nome di battesimo invece di “signor parroco”, capito come? E qell’uomo, adesso, invecchiato certamente ma sempre quell’uomo, sta dicendo a Mindy che è stato a lui a compiere quelle efferatezze sul corpo del povero Luca. E adesso chi lo dice alla famiglia? Ma soprattutto: chi riesce davvero a convincersi che l’autore dell’omicidio sia proprio il buon don Giulio?

Mindy non ci sta. Bisogna parlare con Padre Salvatore, il decano dei preti, uno che sa tutto. E lui ha delle cose interessanti da dire a Mindy. Primo: Giulio si era spretato, di fatto non è più un uomo di chiesa. Secondo: questo è avvenuto dopo che il prete aveva incontrato un famoso assassino in prigione, dodici anni prima. Si chiamava Incoronato. Carmine Incoronato. Quel Carmine Incoronato che aveva violentato e bruciato vivo un bambino della provincia di Napoli. Da quell’incontro Giulio non è stato più lo stesso. Poi, all’improvviso, ha deciso di rompere il voto.

Mindy adesso ha un solo obiettivo: scoprire cosa sia successo dentro quella cella dodici anni fa. Cos’ha detto l’Incoronato al buon parroco? Cosa è avvenuto tra di loro? Quale segreto nascondono i due uomini? Se non è stato Giulio a uccidere il ragazzino… chi è stato? Dove si nasconde? Come risolvere il caso?

Ad aiutarla, l’anziano commissario Pintus e il fedelissimo vice Egidio Molinari.

Perché gli ho dato 7?

Il burattinaio ha, secondo me, un nome non che non gli rende giustizia. Ho dovuto leggere la sinossi più volte, ho dovuto fidarmi, ho dovuto af-fidarmi e poi… poi, grazie a Dio, non mi sono pentita. Ma è merito della Iannaccone, avessi dovuto scaricarlo io, con quel nome e quella cover no, non lo avrei fatto.

È una cosa soggettiva? Assolutamente sì, amici. Quindi, se non siete interessati a questo genere di cose (io tantissimo) potete proseguire nella lettura della recensione senza troppe preoccupazioni.

Questo è un racconto di poche pagine che ha due incredibili pregi stilistici:

  1. Sembrare molto, molto più lungo
  2. Sembrare più lungo perché non manca niente

C’è tutto. Compresso certamente perché le pagine non sono nemmeno settanta, ma c’è tutto e non si sente la mancanza di niente.

Che amo i racconti già lo sapete. Che amo i racconti scritti bene è inutile dirlo. E questo, nella sua limpidezza, chiarezza ed esaustività, è un raccontino giallo scritto bene. Certo, si potrebbe dire che il colpo di teatro è un pochiiino stiracchiato, e sicuramente i puristi avranno qualcosa da ridire, da correggere, da appuntare. Se ci ho fatto caso io che purista non sono… del resto, vedete, la mente umana è davvero molto complessa e basta guardare un tiggì o leggere un giornale per rendersene conto. Questa attuale spirale di follia dà la possibilità agli scrittori dei giorni nostri di avere molto margine per la loro inventiva. Niente è davvero incredibile (nel senso di poco credibile) e tutto è, alla luce dei fatti, possibile. Se possono tentare di rubare il corpo di Mike Bongiorno o di Enzo Ferrari, se possono tagliare tutti gli alberi di un parco immenso per far posto ai fans di Vasco Rossi, se possono ammazzare di botte un ragazzino dopo una banale lite fuori da un locale… c’è davvero limite a quello che può accadere nella realtà?

No.

Figuriamoci nella fantasia.

In definitiva un buon racconto con un buonissimo incipit che invoglia alla lettura, un personaggio principale che avrebbe potuto dire ancora molto, una chiusa esaustiva e che, tutto sommato, non lascia l’amaro in bocca sono tutti elementi che mi fanno giudicare positivamente il lavoro della Pepino.

Buona lettura, amici!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...