Nessuno come noi

Nessuno-come-noi-cover

Titolo: Nessuno come noi

Autore: Luca Bianchini

Editore: Mondadori

Anno: 2017

Pagine: 250

Prezzo: 18,00 euro per il formato cartaceo acquistabile qui – 9,99 euro per il formato digitale acquistabile qui

Il voto della Kate: 7

SINOSSI:

Torino, 1987. Vincenzo, per gli amici Vince, aspirante paninaro e aspirante diciassettenne, è innamorato di Caterina, detta Cate, la sua compagna di banco di terza liceo, che invece si innamora di tutti tranne che di lui. Senza rendersene conto, lei lo fa soffrire chiedendogli di continuo consigli amorosi sotto gli occhi perplessi di Spagna, la dark della scuola, capelli neri e lingua pungente.

In classe Vince, Cate e Spagna vengono chiamati “Tre cuori in affitto”, come il terzetto inseparabile della loro sit-com preferita.

L’equilibrio di questo allegro trio viene stravolto, in pieno anno scolastico, dall’arrivo di Romeo Fioravanti, bello, viziato e un po’ arrogante, che è stato già bocciato un anno e rischia di perderne un altro. Romeo sta per compiere diciotto anni, incarna il cliché degli anni Ottanta e crede di sapere tutto solo perché è di buona famiglia. Ma Vince e Cate, senza volerlo, metteranno in discussione le sue certezze.

A vigilare su di loro ci sarà sempre Betty Bottone, l’appassionata insegnante di italiano, che li sgrida in francese e fa esercizi di danza moderna mentre spiega Dante. Anche lei cadrà nella trappola dell’adolescenza e inizierà un viaggio per il quale nessuno ti prepara mai abbastanza: quello dell’amore imprevisto, che fa battere il cuore anche quando “non dovrebbe”.

In un liceo statale dove si incontrano i ricchi della collina e i meno privilegiati della periferia torinese, Vince, Cate, Romeo e Spagna partiranno per un viaggio alla scoperta di se stessi senza avere a disposizione un computer o uno smartphone che gli indichi la via, chiedendo, andando a sbattere, scrivendosi bigliettini e pregando un telefono fisso perché suoni quando sono a casa. E, soprattutto, capendo quanto sia importante non avere paura delle proprie debolezze.

LA RECE DELLA KATE:

Vince, Cate e Spagna sono i “Tre cuori in affitto”. Amici sin dal primo momento della prima Liceo hanno quel genere di amicizia a pelle e sentimento che accomuna molti dei ragazzi di ogni età e generazione. Vieni dalle medie, sei solo e magari impaurito; tutto sembra più grande, più impegnativo, più definitivo. In corridoio vedi passare delle persone che sembrano già degli adulti, già proiettati molto in avanti, no? E tu pensi “adesso scappo, adesso torno a casa, comincio a lavorare, non m’importa, in qualche modo la sfangherò” mentre ti tremano un pochino le gambe. Non importa che tu sia maschio o femmina: quel terrore lì c’è, è ben presente. È una fase della vita assolutamente nuova, piuttosto lunga, a ben vedere difficile. Durerà cinque lunghissimi anni e tu sei solo all’inizio. Il primo giorno del primo anno di scuola superiore. Dev’essere stato sicuramente così anche per i nostri tre protagonisti che poi, con uno sguardo, si sono scelti e mai più lasciati. Da allora la loro vita trascorre come quella di ogni ragazzino dell’hinterland torinese a metà degli anni Ottanta: scuola, compiti, qualche gelato in gelateria, il bisogno impellente di avere un paio di jeans Levi’s, l’urgenza di una borsetta Naj Oleari, la necessità di una felpa col cappuccio. Impossibile essere diversi, impossibile non uniformarsi, impossibile non desiderare. Allora come ora.

Quando a scuola arriva Romeo, rampollo di una ricca famiglia torinese che non si prende nemmeno il disturbo di abitare in città ma preferisce respirare l’aria più salubre e pulita della collina, le cose cominciano a diventare strane. Gli equilibri si spezzano, i caratteri cambiano, le necessità diventano altre. E se è pur vero che Cate e Vince sono fatti per stare insieme e che Vince lo vorrebbe davvero davvero tanto, la vita ha altro in serbo per loro. Per Cate relazioni sbagliate con ragazzi sbagliati che, com’è giusto che sia, in testa hanno cose ben diverse dall’amore. Per Vince l’amicizia con quel Romeo, quel ragazzo ricco figlio di un professore universitario. Per Spagna un tira e molla col suo fidanzato storico di cui lei non si fiderà  mai e poi mai (e viceversa).

E in questa Torino del 1987 trovano spazio anche gli adulti: donne e uomini sull’orlo di una crisi di nervi in un’Italia sicuramente più florida di ora ma ugualmente incasinata e fatta di desideri inespressi, voglie soffocate, amori repressi, e ancora vita, vita, vita, vita. Perché se è vero che i giovani si sentono gli unici degni di essere al mondo e non contemplano i bisogni degli adulti (allora come ora), è pur vero che ci sono anche loro; madri, padri, insegnanti che gravitano attorno a questi ragazzi cercando un piccolo spazio anche per loro stessi, per non affogare, per non ingrigire, per non soffocare nelle tetra quotidianità.

Sei, sette personaggi al massimo danno vita a un romanzo ambientato nel 1987 dal sapore dunque si vagamente (e piacevolmente) rétro, ma anche molto attuale.

Perché gli ho dato 7?

Ciao amici lettori! Bentrovati!

Facciamo un gioco? Dai!

Contate insieme a me!

E uno… e due… e tre… oplà! Vedo prevedo e stravedo che prima di arrivare al dieci, di questo romanzo avranno fatto una sceneggiatura cinematografica. Scommettiamo una cena?   🙂

Che dire, allora, di Nessuno come noi?

Secondo me non è che si possa dire poi tantissimo. Tutto quello che ci sarebbe da dire è racchiuso nella lunga e dettagliata sinossi che manca solo sveli pure l’assassino (tranquilli, nessun assassino, era per dire).

Nessuno come noi si rifà a tutto un filone italiano soprattutto cinematografico, appunto, a cui siamo abituati da un pochino di tempo. I personaggi, l’ambientazione, le figure degli adulti, nevrotici come sono, non fanno altro che riportarci ad attori come Bentivoglio e la Buy, non fanno altro che farci risuonare nella testa titoli come Tre metri sopra il cielo, Notte prima degli esami, Manuale d’amore, Ricordati di me. Che sia voluto o meno questo m’importa meno e non è nemmeno detto che sia un demerito, sia chiaro. Ma non posso non notare le solite rassomiglianze con altre mille cose che abbiamo letto e/o visto in questo ultimo decennio.

La parabola è quindi sempre più o meno la stessa: ragazzi della classe media del tutto normali che conducono una vita normale, quasi noiosa, anzi certamente noiosa sui quali si abbatte una disgrazia che li fa crescere e maturare e che segna quindi il loro ingresso in età adulta.

Finisce tutto, senza che niente si sia davvero risolto, a tarallucci e vino. Possibilmente tutti insieme. Possibilmente in vacanza dopo la maturità. Possibilmente in riva al mare. Possibilmente giurandosi amicizia e amore eterni.

Amen.

E torniamo quindi alla domanda iniziale: è un male?

Certamente e indubbiamente no. Primo, perché ha recensioni molto positive. Secondo: perché è uno scrittore appassionato. Terzo: perché ne faranno un film. Credetemi. Quindi, voglio dire, ha ragione lui. Lui tocca le corde giuste dell’anima. E se siete amanti di un certo cinema all’italiana, se conoscete i film che ho citato, se piangete spesso insieme alla Buy – che tanto piange sempre – allora non potrete di innamorarvi anche di questo romanzo. Quindi, acquistatelo senza remore e senza nemmeno pensarci un secondo.

L’altra conditio sine qua non, secondo me, è avere almeno quarant’anni. Sì perché entra in gioco tutta una serie di elementi che poco hanno a che fare con la storia narrata e molto ha a che fare con la memoria storica, la nostalgia, il ricordo. Leggere un libro in cui non compaiano i social, i cellulari, gli scooter fracassoni e altre diavolerie moderne… rilassa. Riporta indietro nel tempo, fa fare un certo numero di sorrisi spontanei e distacca un momento della realtà.

Un romanzo, insomma, davvero furbo, che s’inchina e si presta alla disperazione e al rammarico per una vita che non c’è più di tutta una generazione che, certamente, trarrà giovamento dalla lettura di questo romanzo a cui però non mi sento di dare più un sette anche abbastanza regalato. A me è sembrato elementare, banalotto, facilone. Mi sembra un goal fatto a campo vuoto, insomma.

MA.

Ma funziona.

Sta funzionando e funzionerà.

Così come a suo tempo ha funzionato Tre metri sopra al cielo che, pur non raccontando NIENTE, si prestava a essere affresco di una certa generazione, di un certo ceto sociale e una certa fetta della società. Fotografia a imperitura (ahinoi) memoria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...