Il ricordo della farfalla

farfalla-275x370

Titolo: Il ricordo della farfalla

Autore: Laura Platamone

Editore: Nero Press

Anno: 2016

Pagine: 43

Prezzo: 0,99 euro per il formato digitale scaricabile qui

Il voto della Kate: 7

SINOSSI: 

L’omicidio di una giovane donna rappresenta per il commissario Francesca Clivi l’inizio di un viaggio a ritroso nel tempo. Trent’anni prima Diego era il suo migliore amico, adesso invece è uno sconosciuto sospettato di omicidio. Intanto la prima voce del Concerto di Natale scompare a poche ore dalla prima dello spettacolo. Riuscirà il commissario Clivi a venire a capo di entrambe le indagini?

LA RECE DELLA KATE:

Il commissario Francesca Clivi è una donna tutta d’un pezzo.

Intendiamoci: non è che sia una persona rigida o gratuitamente antipatica, ha solo… le sue idee.

Prima di tutto, il Natale fa schifo. Troppe luci, troppe decorazioni, troppe smelensaggini per una persona che, come lei, bada solo alla sostanza. E poi c’è il lavoro. Se nei suoi ricordi e nella sua mente può permettersi di pensare a sé stessa solo come a Francesca, non appena entra in ufficio (con quindici minuti precisi di anticipo) diventa per tutti il commissario Clivi. Integerrima, concentratissima, priva di fronzoli inutili. Come quelli del Natale, appunto.

A farle da contraltare il collega Salemi, più giovane di una decina di anni e genuinamente felice di svolgere il suo lavoro con un bel sorriso stampato in faccia, sempre pronto a sorprendere il suo capo (e beniamina) con colpi di genio praticamente inesistenti ma con una carica e un’energia che Francesca pare proprio non comprendere.

E se già il Natale fa schifo, ci volevano pure due casi da risolvere. Non uno. Due.

Il primo è il caso Marini. Donna. 23 anni. Segretaria. Uccisa con un colpo di pistola da distanza ravvicinata.

Il secondo è la scomparsa di Sara Matteucci, 24 anni, insegnante di violino e prima voce del coro.

Il problema del primo è che la Marini era la fidanzata dell’ex migliore amico di Francesca, Diego.

Il problema del secondo è che di certo la Matteucci non è andata a farsi una gitarella di piacere per spezzare la tensione pre-concerto.

Per Francesca (non per il commissario Clivi, proprio per Francesca) cominciano guai seri. Dopo moltissimi anni è costretta a indagare proprio su Diego, il principale indiziato. E questa indagine rischia di essere inficiata dai ricordi del passato, da quella farfalla strappata alla vita con studiata crudeltà. È vero, Diego era solo un bambino. Ma se sei capace di fare del male a un animale indifeso e di vederlo morire in mezzo al dolore… forse… forse sei anche capace di uccidere la tua compagna. Gelosia? Rabbia? Davvero Diego può aver ucciso una donna? Davvero il suo migliore amico si è trasformato in un aguzzino?

E la Matteucci che fine ha fatto? Possibile che a poche ore dalla prima del concerto una ragazza ligia al dovere come lei sparisca nel nulla lasciando solo la sua auto davanti al teatro?

Perché gli ho dato 7?

L’ho ormai detto in tutte le salse: a me i gialli non piacciono. Io, come la Clivi, sono una persona assolutamente pragmatica e non amo granché perdermi in pippe mentali. Ora lo so, tutti gli amanti del giallo si staranno mettendo le mani nei capelli: “Tu chiami incredibili arzigogoli mentali e letterari… PIPPE???”

Sì, le chiamo pippe.

Non amo i misteri da risolvere, non amo granché la suspance da giallo, e comunque io l’assassino non lo becco mai. Ma mai! Ma manco se scrivono un libro apposta per me! Quindi inutile provarci. Io e i gialli non andiamo d’accordo, quindi leggo moltissimi thriller (che hanno un livello di tensione diversa e presupposti psicologici diversi) ma di gialli devo averne letti pochissimi.

Ma a questo non potevo dire di no, perché conosco Laura, so che sa scrivere in maniera egregia e sapevo che mi sarei molto divertita.

Cosa che, in effetti, è accaduta.

Ho rivisto nel commissario Francesca Clivi anche un po’ dell’autrice, con quella finta ruvidezza di cui lei a volte si fa quasi vanto, quel suo modo di vivere la vita e di intenderla con poche smancerie e pochi orpelli. Ma c’è anche un po’ di Laura, immaginiamo, in quella Francesca, la ragazza che ha voglia di fidarsi del suo amico Diego, ma che ancora porta ricordo del passo strascicato di quella bella farfalla morente.

Il finale è molto telefonato, ma non credo che non volesse telefonarlo. Io credo che questo racconto sia solo un modo come un altro per “parlare” con il lettore, per parlare fors’anche di sé, per ricominciare a scrivere e farlo divertendosi.

Il ricordo della farfalla (che ha una cover SPA-ZIA-LEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE) è un giallo molto tipico a doppia indagine con due differenti POV (in gergo Point Of View). Entrambe le storie sono credibili e catturano l’attenzione del lettore, sebbene per due motivazioni diverse derivanti proprio dal diverso punto di vista narrativo.

Il commissario Clivi è affascinante come tutti i commissari che, da quello che ho capito, si dividono spesso in due categorie, in due possibili scelte letterarie: il commissario un po’ atipico, a volte imbranato, oppure sbevazzone o qualcosa di questo tipo o il commissario serioso, integerrimo, poco propenso alla chiacchiera inutile. Francesca Clivi appartiene a questa seconda categoria, alla quale io mi sono avvicinata (col cuore) grazie a un personaggio letterario che ho amato particolarmente: Rocco Schiavone, nato dalla penna dell’abile Antonio Manzini (vi consiglio la lettura di tutti i suoi libri, se ancora non l’avete fatto!).

Ed ecco qui un giallo di poche pagine che riesce a tenere compagnia, divertire e intrattenere un pubblico molto vasto composto anche da chi, come me, nel genere non è che, per dirla tutta, ci sguazzi. Un possibile target dalla forbice quindi molto ampia che riuscirà a trovare tra le pagine di questo racconto tutti gli elementi cari e dovuti al genere, un personaggio principale decisamente interessante e personaggi secondari degni di essere ricordati.

Annunci

2 pensieri su “Il ricordo della farfalla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...