Nelle crepe

15995661_10211652020646851_756357199_n

Titolo: Nelle crepe

Autore: Luigi Musolino

Editore: Vincent Books

Collana: Miskatonic

Anno: 2016

Pagine: 61

Prezzo: 5,90 euro per il formato cartaceo acquistabile a questo link o direttamente presso la sede della Miskatonic University di Reggio Emilia

Il voto della Kate: 8

SINOSSI:

Rosella è prossima alla fine. Anche il vecchio Giaco è ormai prossimo alla fine. Giunto alla soglia dei novant’anni, inizia a perdere qualche colpo e teme sempre più la minaccia della demenza senile che lo scollegherà completamente dal mondo. Rosella invece non è una persona, ma un quartiere un tempo popoloso e vivace e ora stritolato dalla crisi che l’ha trasformato in un ammasso di palazzi vuoti e in preda all’incuria. Qualcosa però si muove nel sottosuolo, nelle fogne e nelle viscere di Rosella. Qualcosa di mostruoso e di terribilmente affamato. Le orripilanti voci che Giaco sente, sono reali o sono solo frutto della malattia incombente? Può essere che, come accade per gli edifici abbandonati, anche la sua mente si stia riempiendo di crepe?

LA RECE DELLA KATE:

L’orrore non è solo assassinio, sangue, cattiveria, atrocità, mostri di vario e genere e fantasmi.

L’orrore è con noi, ogni giorno.

L’orrore è il domani che avanza, l’idea di non essere più giovani, di non essere più in grado di camminare speditamente, l’idea di non potere più fare la spesa da soli, di non poter più guidare, di non avere più memoria a sufficienza per ricordarsi il proprio numero di porta. Basta lasciare il gas aperto e… bum. Si salta per aria. Basta un po’ di ghiaccio e… pam, tutti giù per terra. Magari di testa. Magari spaccandosela. Gli occhi diventano acquosi, le mani tremano, la pelle è grigia e flaccida, i piedi instabili.

Eppure.

Eppure si è ancora uomini e donne.

Eppure si ha ancora voglia di bere qualcosa con gli amici (che probabilmente saranno già morti e sepolti). Eppure si ha voglia di una donna accanto con cui scambiarsi due carezze. Eppure si ha voglia di discorrere con qualcuno del più e del meno. Eppure si ha ancora voglia di essere utili, a volte, in qualche modo.

Giaco è in quella fase della sua vita. Ormai solo, con la sola compagnia di un volatile chiacchierone, trascorre le sue giornate passo dopo passo, facendo poche cose semplici nella speranza che la demenza senile (ebbene sì) non lo trascini in basso troppo in fretta. Certo, è vecchio. Ma non abbastanza da non avere più paura. Giaco ha paura. Non vuole dimenticare tutto quello che sa. Non vuole dimenticare la sua amata moglie. Non vuole dimenticare niente, Giaco. Ma dimenticherà. Le medicine che prende senza sgarrare un solo giorno non fanno altro che rallentare un processo non reversibile e non interscambiabile. Giaco, un giorno, sarà solo e demente. E morente. Ma morente lo è un po’ anche ora. Un uomo già morto che ancora cammina, un uomo quasi alla fine che procede con dignità.

Sta qui il fulcro dell’orrore di Musolino: quello di una vita che si spegne.

E attorno, tutta la città. Che pulsa, e vive. E si dimentica di quelli come Giaco. Perché vanno tutti troppo veloce per accorgersi di quelli come lui. Per averne pietà.

Ma nemmeno il quartiere in cui vive Giaco se la passa bene. La fine sta arrivando, passando da grosse crepe che sembrano arrampicarsi sui muri, muro dopo muro, angolo dopo angolo e… chiamano, e… urlano, e invocano, e chiedono e pretendono e gridano sempre più forte e obnubilano i sensi, quelle voci, quella voce. Sta impazzendo, Giaco? La malattia ha già fatto il suo corso? O quelle crepe davvero parlano? O quelle crepe davvero chiedono aiuto? Davvero vogliono essere sfamate? Davvero sta succedendo tutto questo?

Perché gli ho dato 8?

Conosco Musolino dal suo Oscure regioni (che vi consiglio CALDAMENTE), raccolta di racconti che mi colpì in maniera incredibile – e che infatti accettai di recensire – per via di quel realismo e quella voglia di raccontare che trasudava da ogni pagina.

Racconti attorno al fuoco, ricordo dissi.

E avevo ragione.

Musolino ha la capacità di spegnere la luce, accendere un fuoco, farvi sedere accanto e raccontarvi, con voce flautata e tranquilla, i più incredibili orrori che le vostre orecchie possano mai ascoltare.

Nelle crepe non fa eccezione: ho ritrovato lo stesso identico Musolino che avevo lasciato, e ho tirato un grosso sospiro di soddisfazione e sollievo. Ha un modo di raccontare ipnotico e sensuale, una danza lenta e morbida tra le braccia di una donna calda e formosa, la carezza di un uomo dalle grandi mani e dallo sguardo penetrante. Clichè? No, non credetemi così mediocre da poter scadere nel clichè. Non è colpa mia, è colpa di Musolino. Lui fa questo effetto, e ve ne accorgerete leggendo. Non ha nessuna intenzione di scioccare, di stupire, di terrorizzare.

Lui racconta, e basta.

A bassa voce, lentamente, guardandovi dritti negli occhi, chiamando la vostra attenzione, pretendendo la stessa ipnotica calma.

Ma i battiti del vostro cuore aumenteranno, alcuni brividi percorreranno le vostre braccia, deglutirete a vuoto un paio di volte.

Cosa diavolo è, quella voce che proviene dalle crepe? Cos’ha Rosetta? Cos’ha la città? Chi sta cercando di impossessarsene? Come far smettere tutto quell’orrore?

La voce irretirà anche te, lettore. E anche te. E anche te. E la voce della crepa diventerà quella di Musolino, e viceversa. Non saprete più riconoscere davvero niente, presi come siete dalla novella, dal racconto, dalla storia. Sentirete solo un confuso bisbiglio, un rumore di sottofondo, il rombare del vostro cuore sospeso tra realtà e orrore.

Io adoro Musolino.

Adoro il suo modo di fare horror, quel suo modo garbato e signorile, al di sopra del casino che spesso si fa, del modo caciarone che a volte si assume per farsi vedere. Quasi assente anche dai social, Musolino credo abbia da sparare ancora molte, moltissime cartucce. Le raccoglierò tutte, una a una, osservandole al microscopio per non perdermi niente, ma proprio niente, di ciò che vuole dire questo incredibile autore italiano.

Leggete Nelle crepe, fatevi questo regalo.

Menzione d’onore per TUTTE le cover di questa collana Miskatonic. Ogni cover è assolutamente SPETTACOLARE e lo scrivo in maiuscolo anche se trovo che il maiuscolo sia sempre ridondante. Le cover di tutti questi racconti sono qualcosa da mozzare il fiato. Vere e proprie piccole opere d’arte. Incredibile. Suggestive e d’effetto, accompagnano il lettore nei singoli mondi in maniera MAGISTRALE. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...