Imbalance (Imbalance saga Vol. 1)

51ohk8USlAL._SX351_BO1204203200_

Titolo: Imbalance

Autore: Maria Luisa Scrofani e Valeria Diurno

Editore: Self

Anno: 2016

Pagine: 274

Prezzo: 0,99 euro in formato digitale

Il voto della Kate: 7-

SINOSSI:

Aylin ha ventidue anni, è bella, brillante e, seguendo le orme del padre, studia alla Columbia University di New York per diventare un architetto di successo. Katy e Stephanie sono le sue migliori amiche. La prima studia al college mentre la seconda gestisce un bar a San Francisco, dove tutte e tre sono cresciute.

L’estate è alle porte e, dopo mesi di studio lontana da casa, Aylin torna in città. Il suo programma per l’estate prevede tanto divertimento con le amiche ma anche una buona dose di lavoro. Deve infatti portare a termine un progetto per l’università insieme a Samuel, un affascinante compagno di studi che passerà con lei parte delle vacanze estive. Quello che Aylin non sa è che la sua vita sta per cambiare, svelando un enorme segreto legato alla sua nascita e alla sua vera natura ma anche alla verità sul nostro mondo, creato e regolato dalle forze sovrannaturali di creature misteriose: i Seraphim e i Nephilim.

LA RECE DELLA KATE:

La letteratura, come la moda, come i locali, come la musica, va a ondate. Temi che fino all’altro ieri nessuno si cagava manco per sbaglio, oggi diventano non solo realtà, ma tragico tormentone. Ed ecco l’era dei vampiri, degli zombie, dei licantropi, degli erotici, dei cuochi e bla bla bla. Ogni filone letterario fa capolino sugli scaffali, vi resta qualche mese (a volte molti, molti, MOLTI mesi) e poi… adieu vampiri, adieu licantropi, adieu a tutti! Spremuti fino al midollo, senza più nulla da dire, si ritirano a vita privata, ormai ebbri di soldi e di notorietà. A dire la verità, ecco, pensavo che gli angeli si fossero uniti alla schiera dei protagonisti letterari morti e sepolti (con rispetto parlando). Me li immaginavo in una villa strafiga del paese di Bestsellerandia, abbronzati e con un drink in mano a brindare alla facciaccia nostra insieme ai vampiri sbrilluccicosi di Twilight, ecco. Invece, miei cari, mi sbagliavo. E di grosso, a quanto pare. Probabilmente si trovavano davvero a bordo piscina con Bella ed Edward, ali ripiegate e fisici statuari, ma qualcuno deve averli richiamati a gran voce. M’immagino le loro faccine, guardate. La Mondadori ha appena fatto uscire “Engel”, bel tomone da trecento e fischia pagine e dalla cover acchiappante che fa l’occhiolino al nostro amico Dan Brown e sotto le mie irrequiete manine è appena passato questo self tutto italico.

Gli angeli, insomma, sono tornati.

E qui sono tornati in grande spolvero, belli e impossibili, algidi e fieri, potenti e magnanimi verso quegli umani che, così pare, loro stessi hanno creato e verso i quali provano, si può supporre, ciò che un padre può provare per un figlio ribelle, un po’ testone, non così intelligente ma molto amato. Seraphim e Nephilim sono le due forze che governano e reggono gli equilibri della natura. Mai in lotta tra di loro, coesistono e collaborano per il bene del pianeta e degli esseri che lo popolano. Il perfetto equilibrio e le perfette forze che permettono alla Terra di auto-alimentarsi e auto-governarsi. Ed è così che se da una parte sarà d’uopo scatenare un tornado per ristabilire le giuste energie, dall’altra sarà assolutamente scontato far arrivare alle popolazioni colpite aerei con rifornimenti di cibo e medicinali per i feriti. Degli dei fermi e decisi ma anche materni e protettivi, quindi. E se le mie reminiscenze letterarie mi parlavano di Seraphim buoni e Nephilim cattivi, in questo romanzo (per licenza letteraria?!) le cose non stanno proprio così.

I Seraphim appartenevano al Sole e ne gestivano la forza, i loro poteri scaturivano nel fuoco e nella terra, mentre i Nephilim appartenevano alla Luna e controllavano le acque e i venti.

Al centro della vicenda c’è Aylin, una ragazza speciale e un essere mai visto: metà Seraphim e metà Nephilim nata dall’unione di due di loro, Aylin deve essere assolutamente protetta e custodita. Il suo corpo e la sua mente racchiudono poteri sconosciuti e potenzialmente devastanti per il pianeta intero. Data in affido a una coppia di umani, Aylin è cresciuta come ogni altra ragazza: amici, scuola, famiglia, carriera, fidanzati. Nessuno potrebbe mai immaginare la sua vera natura.

I Generali, alla nascita della bambina, permisero che lei potesse vivere ma stabilirono una condizione irrevocabile: nel monento stesso in cui si fosse rivelata una minaccia concreta, sarebbe stata eliminata.

Già.

Aylin poté sopravvivere, a patto però che nessuno la scoprisse mai e che i suoi poteri fossero tenuti costantemente sotto controllo. Guardiano e custode della ragazza Samuel, Nephilim dalla bellezza mozzafiato e dal cuore angelico catturato dalla dolcezza di Aylin, permette però alla vera madre di Aylin di entrare in contatto con lei facendo emergere le due dirompenti e distruttive nature della ragazza. L’energia sprigionata violentemente e a stento ristabilita da Samuel non passa inosservata agli occhi dei Nephilim, che sono decisi a scovare il colpevole. E a eliminarlo.

Aylin va protetta.

Aylin non deve essere uccisa, distrutta, annientata.

Va protetta dai Nephilim.

Imbalance è un fantasy-non-proprio-fantasy. Un fantasy che, a sprazzi, depone le armi a favore del romance. E noi amiamo anche i romance, sia chiaro. Ma se all’inizio del romanzo gli equilibri fantasy-romance sono pressoché stabili, verso la fine l’elemento fantasy viene messo apparentemente in un angolo per poi saltare fuori, all’improvviso e con violenza, per porre fine a questo primo volume della saga. Una chiusa insomma vagamente affrettata per quanto mi riguarda, che mi ha fatto pensare a un impegno inderogabile delle autrici che hanno quindi dovuto chiudere il lavoro in quattro e quattr’otto per pubblicarlo su Amazon. Pur detto in tono scherzoso e assolutamente amichevole, per quanto riguarda me i difetti principali rimangono quindi due: troppo spazio alle sfumature romance (che non disdegnano puntatine frettolose all’eros) e una chiusa improvvisa.

Ma posso supporre faccia parte del gioco e che sia assolutamente voluto.

Il resto del romanzo è però godibilissimo, attenzione.

I personaggi femminili sono vincenti, forti, sicuri. I personaggi maschili (nonostante angelici), di contro, quasi in svantaggio rispetto a queste donne volitive e, perdonerete, “cazzute”. L’afflato new adult fa sognare, porta qualche brivido l’accenno erotico sparso qui e lì ma è l’elemento fantasy – per quello che riguarda me – che fa e che DEVE FARE la parte del leone e che consiglierei alle autrici di portare in risalto nel secondo volume e in quelli che seguiranno.

Di romance/erotici/YA/NA ne abbiamo a bizzeffe. Facciamo vedere che anche noi italiani sappiamo scrivere fantasy!  😉

Buona lettura, bimbi!

P.S. -> Perché sette MENO? Il meno è dovuto a qualche errore del testo (posizionamento delle virgole in primis) che ostacola la lettura. Ma il romanzo verrà sicuramente rivisto e corretto dalle autrici, ne sono sicura!

P.P.S. -> Sulla cover fumettosa ho poco da dire, se non che mi perplime molto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...