Rosa meccanica (Once Upon a Steam Vol. 3)

12620480_10153862553979770_218109259_o

Titolo: Rosa meccanica (Once upon a steam vol. 3)

Autore: Giulia Anna Gallo

Editore: Dunwich

Anno: 2016

Pagine: 90

Prezzo: 0,99 in formato digitale

Voto: 7

SINOSSI:

In una terra da favola in cui Bene e Male paiono poli opposti privi di sfumature intermedie, Bestia è sempre stato etichettato al primo sguardo come Cattivo, in parte per via delle sue origini e in parte per via dell’aspetto rozzo e minaccioso. Nessuno considera l’ipotesi che possa decidere di assecondare il suo lato umano e non c’è modo che la brava gente di Steamwood lo tratti come qualcosa di diverso da un mostro. L’unica capace di vedere oltre le apparenze e giudicarlo in base alle sue azioni sembra essere la giovane Bella, la prima fanciulla ad avvicinarglisi senza riserve e a fargli accelerare i battiti del cuore.

Peccato che per redimersi agli occhi del mondo non abbia altra scelta se non tradirla.

LA RECE DELLA KATE:

Ed eccomi giunta, grazie agli amici della Dunwich, al terzo e penultimo volume della collana fantasy-steam “Once upon a steam”, che si prefigge di riscrivere le favole più famose in chiave steam (ma dai?!), dando ai personaggi da noi tanto amati un’aura lievemente più (come piace dire a me) “rock”. E se nel primo episodio abbiamo incontrato Biancaneve e la sua figliola di pelle vestita, nel secondo episodio una Bella Addormentata innamorata e romantica, il terzo episodio, affidato alla scrittrice Giulia Anna Gallo, ci vede fare la conoscenza con la famosa e coraggiosa Bella. Eh sì, proprio quella che, nel nostro immaginario comune, balla con una sexisissima seppur irsutissima Bestia sopra alle note di “Ti sorprenderààà, come il sole ad Eeeestttt, quando sale su e spalanca il blu, dell’immensitààà“.

Ehm.

Dicevamo.

Facciamo così: se io dico fantasy, voi a cosa pensate?

Vi dico a cosa penso io, intanto, ok? Se chiudo gli occhi e penso al fantasy io vedo grandi pianure, un fiume molto blu e un bosco enorme pieno di alberi fronzuti; alzo gli occhi al cielo e, sopra alla mia testa, grandi draghi volteggiano leggeri giocando tra di loro riflettendo, sulla loro pelle, tutti i colori del mondo. Poco lontano da me, un castello. Non mi ci vorrà molto, saranno circa quattro ore di cammino. Mi affretto.

La Gallo mi ha regalato il mio fantasy.

C’era una volta Bestia, metà mostro metà umano, alto poco meno di tre metri, additato e da tutti tenuto alla larga. C’era una volta un castello abitato da un drago pericoloso e mortale, che custodiva un tesoro di proporzioni gigantesche. C’era una volta il grande amore tra una strega e un cavaliere, una neonata lasciata sola troppo presto. C’era una volta una tregua tra gli umani e il drago. Ma la tregua, dopo molti anni, sta per essere rotta. Bestia, accompagnato da altri tre uomini, ha un obiettivo: entrare nel castello, sconfiggere il drago una volta per tutte e impossessarsi del suo tesoro. La città sarà libera e così la fanciulla che è prigioniera del drago e del castello, Bella. Capelli neri e lucenti come le ali di un corvo, Bella e la sua dolcezza faranno presto breccia nel cuore indurito di Bestia, che riscoprirà la sua parte umana e la potenza dell’amore.

Non vi basta quello che vi ho raccontato? Volete conoscere Bestia e Bella? Volete sapere cos’è la rosa meccanica che dà il nome alla novella e che campeggia, stupenda, sulla cover di questo ebook? Non vi resta che fare subito il vostro download e farvi trascinare in questo mondo steam che la Gallo ha costruito per me e per voi. Lo ha fatto bene, credetemi. Un centinaio di pagine le sono state sufficienti per farci sognare e farci tornare bambini almeno un po’, per far trionfare l’amore (questo posso dirlo senza timore di fare spoiler: che fiaba sarebbe senza l’amore?) e per un colpo di scena davvero magistrale, che strizza l’occhio ai fantasy più famosi e che fa rimpiangere il fatto che ci si trovi davanti a una novella e non a un romanzo.

Per quanto mi riguarda una buonissima prova di scrittura (buonissimo il ritmo, a volte non brillantissimi i dialoghi) e di fantasia per l’autrice, della quale a questo punto non mi resta che leggere altro.

Il sogno e il piacere, dunque, durano meno di quanto si vorrebbe, ma Once upon a steam continua, quindi… alla prossima puntata!

Il tesoro del drago… be’, da solo vale il biglietto, ragazze!

Annunci

Un pensiero su “Rosa meccanica (Once Upon a Steam Vol. 3)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...