Il gioco

Ilgioco

Titolo: Il gioco

Autore: Marcello Gagliani Caputo

Editore: Self publishing

Anno: 2015

Pagine: 37

Prezzo: 0,99 euro solo su Amazon Kindle

SINOSSI:

È la sera di Halloween e Fabio si sta preparando alla festa che lo attende, quando un misterioso sconosciuto che si nasconde sotto le spoglie del famoso Freddy Krueger gli comunica che sua moglie è stata rapita. Per Fabio comincerà un folle gioco al massacro che lo costringerà a girare per una “Roma in maschera”, tra periferie degradate e affollati luoghi di ritrovo, nel disperato tentativo di liberare la donna. Un thriller mozzafiato che porterà il lettore nei più sconvolgenti meandri della mente umana.

LA RECE DELLA KATE:

Sono drammaticamente indietro con le recensioni dei libri, amici.

Anzi, con la lettura dei libri, che è ancora peggio.

Tuttavia, da sempre, tengo a sottolineare che non amo leggere i libri che mi vengono regalati dagli scrittori o dalle CE in ordine di arrivo (anche se, suppongo, sarebbe più politicamente corretto) ma in base all’estro del momento (così è, se vi pare).

Ed è per l’estro del momento – e per il periodo dell’anno in cui ci troviamo – che ho deciso di leggere immediatamente questo racconto di Marcello Gagliani Caputo che, diciamolo, è uno che di horror ne sa giusto giusto qualcosina.

Ma non solo. L’ho caricato immediatamente sul reader anche perché il titolo mi ha rimandato a The game, un film del 1997 con un grandissimo Michael Douglas che ho tanto amato (se non lo avete visto, fatelo. Se non vi piace, non ditemelo).

Nonostante nulla abbia a che fare con uno dei miei film favoriti, Il gioco si è rivelato breve sì, ma molto azzeccato.

Fabio potrebbe avere forse la mia età, diciamo tra i trenta e i trentacinque anni.

Anna è sua moglie.

Conducono una vita serena e tranquilla, come tante coppie di sposi che, loro malgrado, si barcamenano tra lavoro, casa, obblighi e un tran tran quotidiano che rischia di spezzare il fiato. Esistenza tranquilla e quasi noiosa fino a quando l’orrore non decide di passare attraverso la fitta maglia di Facebook, aggeggio infernale che ci rende vulnerabili come infanti. Si deve essere sentito così, Fabio, quando quel nuovo contatto, quel Freddy Krueger, gli ha scritto di avere in mano sua moglie. Vulnerabile. Incapace. Debole. Spaventato.

Il pavimento sembra scivolare via da sotto i piedi, la vista si offusca, il sapore della bile invade la gola. E poi? Poi cosa si fa? Cosa mai può fare, l’uomo comune, davanti al terrore? Piccola pedina di una caccia al tesoro terrifica, Fabio viaggia attraverso una Roma caotica e infernale, mascherata e abbruttita, una Roma segreta e cattiva che trascinerà il nostro protagonista, passo dopo passo, chilometro dopo chilometro, in gironi infernali sempre più bui e impietosi.

Nonostante un finale piuttosto frettoloso, le atmosfere autunnali e sporche, umide e odorose unite a una scrittura incalzante e adrenalinica contribuiscono a rendere questo racconto molto giusto e godibile, un racconto a metà tra il thriller e l’horror che riuscirà a farvi una sana e… spaventosa compagnia.

Buona lettura di Halloween, amici!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...