Oscure regioni – Racconti dell’orrore (Vol.1)

OscureRegioni_copTitolo: Oscure regioni

Autore: Luigi Musolino

Editore: Rill

Anno: 2014

Pagine: 147

Prezzo: 10,00 euro in formato cartaceo

SINOSSI:

Il paese del sole e del mare è solo una facciata, uno specchietto per turisti: l’Italia in realtà è piena di streghe, creature mostruose, caverne oscure. È il paese della follia e dell’inquietudine, dietro il velo quotidiano della normalità. “Oscure Regioni”: dieci racconti horror basati sulle storie del folclore italiano. Quelle che una volta, prima della TV, si raccontavano intorno al fuoco, nelle notti d’inverno…

LA RECENSIONE DELLA KATE:

Io al BUK di Modena ci vado, cascasse il mondo. Non sempre ne esco soddisfatta (quasi mai), ma ci vado. Non foss’altro che per scambiare due chiacchiere con scrittori ed editori, cosa che ho fatto, puntualmente, anche la primavera scorsa. Allo stand della Rill, però, ci ho passato un po’ di tempo in più: i ragazzi della casa editrice erano simpaticissimi e, oltre a comprare due antologie (recensirò presto anche quella, certamente), mi sono portata a casa una bellissima stampa che ora campeggio nel mio studio. Come si direbbe a Modena: tiè!

Subito dopo ho aperto questo blog, e sono stata (che bello!) sommersa di richieste di recensioni e i due libri acquistati al BUK sono finiti, se non nel dimenticatoio, nel cassetto del comodino. Fino a venerdì, quando ho preso in mano, per l’ultima volta e definitivamente, questo volumetto dall’inquietante cover e dal titolo promettente: racconti dell’orrore, che fa già paura preso da solo. Ma è anche una promessa difficile da mantenere, no? Fare paura non è mica uno scherzo, no? Mi stai dicendo che mi farai avere paura: siamo sicuri?

Sì, adesso ne sono sicura.

Musolino si è seduto, ha chiesto a me di fare lo stesso, le luci si sono abbassate, le nubi hanno coperto la luna e le stelle, e lui ha cominciato a raccontare piano, lentamente, senza fretta, a bassa voce, storie di un’Italia sommersa e quasi ormai dimenticata. Leggende, superstizioni, favole… chiamatele come volete. Sono le storie – mai belle e mai a lieto fine – che raccontavano ai nostri nonni, quelle narrate per divertire ma anche e soprattutto spaventare i bambini, quelle che i ragazzini più grandi accoglievano con un’alzata di spalle ma che poi, volenti o nolenti, facevano rizzare i peli sul corpo anche a loro.

Non è certamente l’Italia della moda, delle auto, del turismo vip o del buon cibo, quella di Musolino.

È un immaginifico e terribile viaggio lungo dieci regioni italiane, un lungo e dettagliato lavoro alla ricerca delle tradizioni, del linguaggio e delle creature che popolano la nostra penisola. Che siano sul fondo del mare, nelle cavità della roccia, immerse nelle profondità dei laghi o vivi, in mezzo a noi, riescono a bloccare il sangue nelle vene, la capacità di pensare lucidamente, la voglia di vivere e combattere. Sono più forti e sono ovunque. Che la vita continui, quindi, ma senza dimenticare che vicino, molto vicino, qualcosa potrebbe portarci via tutto.

Dieci racconti scritti da una mano sicura con uno stile pacato e molto elegante, quasi desueto, che profuma di tempi andati.

Buon viaggio, quindi.

Annunci

Un pensiero su “Oscure regioni – Racconti dell’orrore (Vol.1)

  1. Pingback: Oscure regioni – racconti dell’orrore (Vol. 2) | La Kate dei libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...