Boy nobody

download

Titolo: Boy nobody

Autore: Allen Zadoff

Editore: Rizzoli

Anno: 2014

Pagine: 349

Prezzo: 16,00 euro

SINOSSI

È il classico ragazzo nuovo che arriva a scuola senza dare nell’occhio, l’ombra che nessuno nota. Si presenta in un liceo, in una città ogni volta diversa, con un nuovo nome, pochi amici e non rimane mai a lungo: giusto il tempo di veder morire qualcuno per “cause naturali” nella famiglia del suo migliore amico di turno. Missione compiuta, Boy Nobody scompare, è pronto per il prossimo obiettivo, e il “programma” è al sicuro. Ma quando il suo bersaglio è il sindaco di New York, le cose cambiano. Boy Nobody si rende conto che la figlia del sindaco, Sam, è così simile a lui, forte all’apparenza e allo stesso tempo fragile; il sindaco gli ricorda suo padre, quello vero, quello che non c’è più. Anche se i supervisori del “programma” lo osservano, gli stanno addosso, i ricordi e le domande affiorano e con loro i dubbi che rischiano di scalfire la sua fede nella missione. Da qualche parte dentro di sé, Boy Nobody sente di essere stato, un tempo, diverso dal guerriero senza scrupoli che è diventato. Aveva aspirazioni normali, una casa, dei genitori presenti e premurosi, una ragazza di cui innamorarsi… Desiderare la normalità, però, non è mai stato tanto pericoloso.

LA RECE DELLA KATE:
Viaggiare non è il mio forte. Sono una persona abitudinaria, attaccata alla sua casa e alle sue cose. Non tollero fare valigie, preparare itinerari, non prendo aerei, mi stanco molto e molto in fretta. Insomma, un disastro.
Leggere, invece, è la mia salvezza e il mio rifugio. Un pezzo di casa lontano da casa.
Avrei dovuto concludere Boy nobody in occasione del viaggio che ho fatto in questi giorni, una brevissima vacanza in Slovacchia, Paese in cui vive mio padre. Ma non c’è stato niente da fare: il reader ha languito sul comodino o dentro la borsa per quattro lunghissimi giorni.
Vorrà dire qualcosa?
Io credo di sì, soprattutto per una come me che legge dalle due alle quattro ore al giorno da quando ha memoria.
Questo romanzo è fondamentalmente un thriller per un pubblico di giovani adulti e, in effetti, non ne avevo ancora letto uno. Niente fantasy, niente draghi, nessuna distopia. Solo action e quel pizzico d’ammmmmmore che fa di un libro YA un vero libro YA.
Purtroppo, però, il risveglio è stato brusco.
Uno stile di scrittura che mi ha infastidita molto nel quale l’autore ha inanellato una serie di frasi brevissime composte da pochissime parole. Frasi-telegramma che mi hanno dato zero emozioni e una lettura molto poco scorrevole; una trovata molto “furbetta” – se mi concedete il termine – quella di scrivere in questo modo. Tante frasi brevi sono meno impegnative. Si ha meno occasione di sbagliare tempi, modi, ritmi.
La storia d’amore è fiacca come un ottantenne dopo una corsetta sotto casa e provare empatia per il personaggio principale è pressoché impossibile. Il suo lato umano, il suo essere ragazzo adolescente non viene mostrato che a sprazzi e in modo del tutto confusivo e slegato. Davvero difficile avere le idee chiare su di lui durante e dopo la lettura del romanzo. E un romanzo senza immedesimazione, voi mi insegnante, è niente.
Lo svolgersi delle vicende, poi, è chiaro sino a un certo punto per poi aggrovigliarsi incredibilmente verso la fine; l’impressione è che l’autore, dopo un pochino, non sapesse più che pesci pigliare e abbia dovuto inventarsi qualcosa in fretta.
Insomma, a questo romanzo leggero leggero non do la sufficienza.
E passo in fretta ad altre cose.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...