London in love

London in love_Sovra.indd

Titolo: London in love

Autore: Melinda Miller

Editore: Tre60

Anno: 2014

Pagine: 251

Prezzo: 12,99

SINOSSI:

Lei è Lisa: trent’anni (o poco più), un fidanzato storico che l’ha appena lasciata e una gran voglia di ricominciare. E forse è possibile: trasferirsi a Londra, per un anno, a casa di un’amica. E poi chissà… Lui è Michele: trent’anni (o poco più), una fidanzata storica che sta per sposare, una vita da broker e una gran voglia di stabilità. Il suo sogno: lasciare Londra, dove lavora, e rientrare in Italia. E poi chissà… Le strade di Lisa e di Michele s’incrociano brevemente sul volo Milano-Londra (vicini di posto, si detestano all’istante), per dividersi, con grande sollievo di entrambi, a Heathrow. Ma il destino li farà incontrare di nuovo, a Notting Hill, tra gli scaffali di God Save the Heels, la boutique di scarpe vintage, stilosissime e griffatissime, dove Lisa lavora. Sullo sfondo di una Londra travolgentemente romantica, animata da personaggi indimenticabili – da Palmer, l’eccentrico vicino di casa gay, a Marta, la fidanzata di Michele, perfettina e isterica, a Lady J, la “celeb” icona di stile, che mette all’asta la sua preziosissima collezione di scarpe -, Lisa e Michele si troveranno coinvolti in un inebriante girotondo in cui sarà molto difficile non cadere (dall’alto di un tacco 12) nelle braccia dell’amore.

LA RECE DELLA KATE:

Lei è Lisa, lui Michele e l’autrice si chiama… Melinda Miller. Dove sta l’inghippo, direte voi? L’inghippo sta nel fatto che Melinda Miller è il nome d’arte, lo pseudonimo, il nom de plume di due fidanzati italianissimi che hanno deciso di raccontare, con questo libro, la loro storia d’ammmmore (potete svenire, rinvenire e vomitare, tranquilli).

Purtroppo, questo tipo di libri (nati dopo l’incredibile successo della famosissima saga I love shopping) noi italiani non-sappiamo-scriverli, e sarebbe bene che ce lo mettessimo in testa, che ce lo appuntassimo da qualche parte e che lo tenessimo ben presente quando andiamo ad aprire il nostro foglio word.

A me, lo ammetto, quando non sono scritti da italiani piacciono anche, in linea di massima. I love shopping quando ero più giovine mi ha fatto tantissima compagnia, idem dicasi per tutti i libri nati sulla sua scia. Prendono pochissimo tempo, la scrittura è lineare, semplice, veloce. Spesso strappano più di un sorriso. I libri che definisco EEG piatto, ecco. Quelli che apri quando hai avuto una giornata grigia, malata, depressa.

L’unica italiana che sa scrivere questo tipo di libri e che riesce anche a essere credibile è Anna Premoli (che vi consiglio, se avete bisogno di un libro EEG piatto!).

London in love, insomma, non è un progetto andato a buon fine. Stile di scrittura a parte, che rimane assolutamente basica e semplice, il romanzo non riesce ad andare in profondità nemmeno una volta su nessun personaggio. I fari sono puntati su cose assolutamente secondarie (spesso frivole, come le scarpe!) e i protagonisti rimangono lì, al centro del foglio, senza sapere bene che emozioni provare o cosa dire. Ora, siamo tutti d’accordo che questi libri non hanno la pretesa di diventare Premi Bancarella, per carità. Ma non credo ci voglia un premio Nobel per la letteratura per comprendere che se mi presenti sei personaggi (sei, non ventidue!) sarebbe almeno carino che me li presentassi bene, che mi dicessi cosa provano e pensano. Induci empatia, giusto? No, i due fidanzatini italiani non la pensano così, è evidente.

E ragazzi… i dialoghi. I dialoghi! Vi prego, soprattutto nelle battute finali… non potete fare questo al lettore! Non potete! Dialoghi da fogliettini lasciati sul banco in quinta elementare, proprio sul finale, proprio le ultime righe. Roba da prendere il Kobo e spaccarlo contro lo spigolo del comodino.

Insomma, per tirare le somme.

Leggetelo solo se è in offerta a 0,99, se non avete null’altro da leggere e se siete in modalità “tanto love”.

Altrimenti lasciate perdere e sarete sicurissimi di non esservi persi assolutamente niente.

Buona lettura!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...