La verità, vi spiego, sull’amore

9788804647713

Titolo: La verità, vi spiego, sull’amore

Autore: Enrica Tesio

Editore: Mondadori

Anno: 2015

Pagine: 236

Prezzo: 13,60 euro

SINOSSI:

Aprire questo libro è un’esperienza sorprendente, capace di portare allegria nella più grigia delle giornate. Proprio come entrare in casa di Dora, la protagonista. Nel suo appartamento torinese potrete incontrare: i suoi due bambini, piccoli saggi e buffissimi; il loro tato Simone, magari sul balcone intento a fumare (meglio non chiedersi che cosa); Sara, la migliore-amica-senz di Dora, stavolta alle prese con la decisione più difficile; il massimo del disordine che una donna nata alle nostre latitudini possa sopportare; un paio di nonni molto diversi da quelli delle pubblicità; un quadro con un pappagallo zampe all’aria, in grado di infondere pace a chi lo guarda; un sacco di ricord felici sospesi nell’aria, diversi angoli dove ristagna la malinconia per tutto ciò che invece non è stato o non sarà, e grandi finestre per lasciar entrare il sole. Zitti, se fate attenzione sentirete bussare alla porta! È un giovane vicino di casa, decisamente sexy a dirla tutta, ed è qui per Dora. Ma eccola che arriva, Dora, è appena sveglia e già sa che dovrà correre, e correre, sempre in ritardo su tutto, da vera”madre Gazzella”: due bambini, un lavoro, un mutuo e una separazione con cui fare i conti. La storia di questa giovane donna coraggiosa, anticonformista e piena di vita, e di tutto il mondo che la circonda, fa riflettere proprio perché prende forma in scene esilaranti o tenere, sempre profondamente sincere.

LA RECE DELLA KATE:

La sinossi ci dice che “aprire questo romanzo è un’esperienza sorprendente, capace di portare allegria nella più grigia tra le giornate.”
Mah.
A volte le blogger esagerano nell’intento di divertire e, seppur non volendolo, fanno risultare i loro articoli decisamente artefatti, creati ad hoc per strappare una risata, per diventare le Littizzetto di turno.
Devo dire che questo libro non fa eccezione.
E’ ben scritto, sia chiaro, davvero tanto di cappello, ma io ho sentito in ogni riga lo sforzo supremo fatto per divertire il lettore.
Anzi, la lettrice, perché questo è un libro da donne, meglio se mamme, meglio se un po’ stropicciate.
Dora e il suo compagno si sono lasciati ma a rimanere sono due figli. Insieme a Dora e ai due figli c’è anche Sara, l’amica del cuore, e Simone, una buffa tata maschio poeta che sa prendere i bambini perché è anche un po’ bidello ma solo part-time. E poi c’è Enea, che ha dieci anni in meno di Dora ma è bello e libero e affascinante e Dora ha tanta voglia di amare ed essere amata.
Insomma, un bel guazzabuglio che potrebbe risultare davvero divertente se non fosse, invece, impietoso.
In una recensione ho letto che la Tesio gioca bene con le parole, ed è verissimo. Lo avrei scritto io, se non avessi avuto l’onestà intellettuale di dire che lo avevo letto prima in una recensione online. Fatto sta che lo hanno scritto prima loro e bisogna solo dire che sì, hanno ragione, perché l’autrice fa il giocoliere senior e gioca e incastra e diverte anche quando bisognerebbe piangere e mentre si sorride si piange anche un pochino perché siamo donne e siamo mamme e a volte ci sentiamo anche un pochino mamme single anche se magari un marito-compagno-amico di merende lo abbiamo, perché abbiamo solo trent’anni o giù di lì ma al parco i ragazzetti ci danno del lei e ci dicono Signora e noi vorremmo solo ucciderli tutti, fare una strage.
Insomma, il libro diverte ma credo che non volesse proprio solo divertire come insinua la sinossi.
Io credo che se fossi stata in lei e mi avessero scritto una sinossi del genere mi sarei incazzata di brutto.
Perché non scrive per fare la buffona di corte, ma per parlare di cose e di persone.
Poi, chiaramente, lo fa a modo suo,
Ma il libro è suo ed è giusto che lo faccia a modo suo e non a modo mio, che manco so scrivere la lista della spesa, a momenti.
Quello che voglio dire è che avrei gradito un po’ meno sbrodolate melense sui figli e sulla maternità e meno battute ridanciane.
Ma questa è solo la mia opinione.
Il romanzo credo vada letto, perché è una scrittura nuova, perché è una blogger italiana, perché è giovane e perché davvero davvero, ve lo giuro, ci sa fare, io la invidio.
Non so quanto tempo e quanta fatica le sia costato questo lavoro, ma la invidio un sacco.
Per le mamme, per le mamme single, per le mamme accompagnate, per le mamme in crisi, per le mamme e basta… leggetelo, non ci vorrà molto.
Qualche risata ve la strappa di sicuro, forse un groppo in gola vi viene e sicuramente vi accorgerete che le stesse cose si possono dire in mille modi diversi.
Lei lo dice così.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...